Giudiziaria

Tutor, la sentenza della Corte d’Appello: il brevetto è copiato

Un imprenditore pontino aveva creato il softwatre per il sistrema

LATINA – Il brevetto del Tutor è stato copiato. La Corte d’Appello di Roma ha dato ragione ad una società che rivendica il sistema di controllo della velocità sulle autostrade e ad un imprenditore di Latina Alessandro Patanè che aveva sviluppato il software del sistema. Il braccio di ferro andava avanti da molti anni e la Corte d’Appello ha ribaltato il giudizio di primo grado imponendo anche ad Autostrade di astenersi per il futuro dal fabbricare, commercializzare e utilizzare il sistema in violazione del brevetto. Per ogni giorno di ritardo Autostrade dovrà pagare a titolo di sanzione civile 500 euro in favore della Craft. Autostrade ha immediatamente risposto e ha annunciato che i Tutor non saranno rimossi dalla rete, ma saranno sostituiti con un nuovo sistema diverso da quello attuale entro tre settimane.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto