Do you speak italian

I migranti imparano l’italiano a Latina: 187 hanno l’attestato

Il programma finanziato dal Governo. Leggio: "Lingua primo passo verso l'integrazione reale"

LATINA – Più di 180 migranti  hanno frequentato al Vittorio veneto Salvemini di  Latina i corsi di italiano per stranieri organizzati dal Comune di Latina con risorse messe a disposizione dal Governo e oggi (alle 18) nella sala Enzo De Pasquale del Comune, verranno consegnati gli ultimi attestati. E’ il bilancio del progetto “Do you speak italian?”, inserito tra gli interventi immateriali del programma “Latina anche città di mare” finanziato attraverso il bando per la riqualificazione urbana e sociale delle periferie. «L’intervento – spiega  l’Assessora a Città Internazionale e Partecipazione Cristina Leggio – si è posto come finalità, in attuazione dell’art. 3 della Costituzione, di promuovere un percorso reale di inclusione ed emancipazione dei partecipanti. L’integrazione dei cittadini stranieri nel tessuto sociale locale passa anche e soprattutto dall’apprendimento della lingua italiana, dalla conoscenza della cultura e del quadro di diritti e doveri dei cittadini italiani».

A frequentare i corsi di italiano per stranieri, promossi e  realizzati dal servizio Politiche per lo Sviluppo e l’Internazionalizzazione in collaborazione con l’Istituto Tecnico Commerciale  – spiegano dal Comune –  sono stati per gran parte studenti di origine africana; con loro anche 2 indiani, 1 ucraino, 1 russa, 1 venezuelano e nei corsi di livello intermedio ragazzi di nazionalità diverse (migranti economici o stranieri residenti sul nostro territorio da molti anni). Presso gli istituti V.Fabiano di Borgo Sabotino e Vittorio Veneto-Salvemini si sono tenuti in totale 10 corsi di Lingua e cultura italiana e di Educazione civica: oltre ad un’alfabetizzazione linguistica ci si è proposti di dare nozioni di costume e tradizione per agevolare l’inclusione e una partecipazione attiva degli stranieri alla vita sociale e culturale della città.

Positivo anche il bilancio didattico di chi ha materialmente operato nell’ambito del progetto: l’associazione PerCorsi di Pontinia con 7 docenti, 5 tutor, un mediatore culturale, un avvocato. Quaranta studenti hanno sostenuto l’esame CELI (Certificati di conoscenza della lingua italiana), gli altri iscritti che lo affronteranno nei mesi di settembre e novembre verranno seguiti presso la sede operativa dell’associazione PerCorsi così da garantire continuità al lavoro svolto.

 

EDY GIOIELLI A LATINA

5 Commenti

5 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    30 luglio 2018 alle 14:15

    Beati loro che imparano l’italiano nel bel mentre un uomo politico e una Donna della Politica italiani che in teoria dovrebbero rappresentare un istituzione in primis a scuola oltre che non ha imparato l’Italiano si è fatto i comodi suoi aderendo soltanto alla parola “rubare” se solo la si pensa che l’ex Ministro della Salute e l’ex Ministro dell’Istruzione non èrano laureate immagino gli altri Ministri di che pasta erano fatti se solo la si pensa ai loro figli tra questi il figlio di Umberto Bossi che acquistava la Laurea in Albania con i soldi finanziati e pubblici al suo partiti mai restituiti alla cassa del mezzogiorno tutti truffati oltre 40milioni di euro, in Italia un istituto scolastico su tre non idoneo per la sicurezza e la casa dello studente in L’Aquila con tutte le norme antisismiche è crollata su stessa con tutti gli studenti dentro, sempre in Italia da non dimenticare ciò che ha detto un magistrato con le palle sotto, dal processo mani pulite ad oggi un Politico ruba più di prima e senza vergogna da quel processo sono passati venticinque anni pensa te quanto si sono imparati di rubare inculando il tuo prossimo.

  2. Antonio Ciarlo

    Antonio Ciarlo

    30 luglio 2018 alle 15:43

    E il business continua.

  3. Francesca Monella

    Francesca Monella

    30 luglio 2018 alle 16:59

    Come fanno gli americani da tanto…imparare la.lingua..giusto

  4. Marco Gasparotto

    Marco Gasparotto

    30 luglio 2018 alle 17:12

    E a cosa gli serve esattamente l’attestato?

  5. Pingback: I migranti imparano l'italiano a Latina: 187 hanno l'attestato - Roma 24h

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto