intervista a Sergio Zerunian

Dolcissimo amore ti racconto il genocidio degli Armeni

di e con Licia Pastore

LATINA – “Dolcissimo amore dagli occhi grandi” l’ultimo libro di Sergio Zerunian, pubblicato da Atlantide editore, la casa editrice di Latina diretta da Dario Petti, si è aggiudicato il Premio Fiuggi Storia sezione Lazio meridionale 2018, ex aequo con Erasmo Di Vito e Francesco Di Giorgio. Trentuno le opere iscritte a questa nona edizione,
quattordici quelle selezionate come finaliste di cui ben sette di Atlantide editore. Un’occasione per ripubblicare l’intervista fatta a giugno, a Sergio Zerunian, da Licia Pastore per Radio Luna.

Sergio Zerunian su Radio Luna nella rubrica I nostri Libri con Licia Pastore

Scappare dalla Turchia per sfuggire al genocidio armeno, un pezzo crudele di storia raccontato anche dai fratelli Taviani, nel film La Masseria delle Allodole. Una fuga che porta una giovane mamma e i suoi due bambini di 2 e 7 anni in Italia e poi a Maenza, sui Lepini pontini. E’ la storia raccontata da Sergio Zerunian nel suo ultimo romanzo Dolcissimo amore dagli occhi grandi, un racconto familiare e autobiografico, per non dimenticare. Ne ha firmato la prefazione Antonia Arslan, autrice de La Masseria delle Allodole.

 

1 Commento

1 Commento

  1. Marco Brambilla

    12 giugno 2018 alle 18:25

    100 anni fa 200 mila terroristi armeni sono giunti dalla russia in anatolia, assieme al supporto degli evangelisti armeni in Anatolia, questi armeni hanno compiuto defacto un genocidio, gli armeni hanno massacrato quasi o più di 3 milioni di musulmani curdi e turchi, CHI HA COMPIUTO COSA!? la tesi armena è debole, e comunque gli armeni sono stati espulsi dagli ufficiali tedeschi non ottomani, i responsabili dell’espulsione delgi armeni sono i nonni di MERKEL, andate a vendicarvi della germania non dei turchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto