un mestiere per stare lontani dai guai

Diventare pizzaioli nel carcere di Latina, l’idea del salesiano Don Nicola

Il sacerdote di San Marco chiede donazioni in farina, pomodoro, formaggi e olio

LATINA –  Diventare pizzaioli in carcere. A Latina si può. I detenuti della casa circondariale di Via Aspromonte, infatti, potranno su base volontaria seguire un corso base, grazie al progetto del cappellano del carcere, il salesiano don Nicola Cupaiolo, che crede nel valore pedagogico di un “mestiere” da imparare per dare dignità a se stessi come persona e anche per stare lontano dai guai.
«Grazie alla disponibilità di un pizzaiolo di Latina Scalo, siamo riusciti ad avviare questo corso base che prevede circa cinque incontri cui partecipano 5-6 detenuti alla volta anche per ragioni di sicurezza e di disponibilità di attrezzature», ha spiegato Don Nicola Cupaiolo, «poi, il giorno del corso c’è anche una sorta di prova pratica davvero impegnativa: viene offerta la pizza a tutti i detenuti e parliamo di circa 130 persone. Noi siamo veramente contenti di preparare queste persone su una aspetto così pratico della vita con il solo scopo di poter dare un’occasione, una possibilità che li possa aiutare per il futuro».
Si tratta di un’attività impegnativa dal punto di vista logistico. «Per questo devo ringraziare il vescovo Mariano Crociata, il quale ha assicurato il pieno sostegno della diocesi che tra l’altro si fa carico degli oneri economici», ha concluso don Nicola, «ovviamente, un altro grande ringraziamento va alla direttrice del carcere, Nadia Fontana, per aver accolto con molto favore la nostra iniziativa concedendoci i permessi e soprattutto l’uso della cucina del carcere».

Con l’occasione, don Nicola lancia anche un appello: «Abbiamo bisogno degli ingredienti per preparare le pizze (farina, olio e pomodoro, i formaggi), chiunque volesse donarli sappia che compie un vero gesto di carità e potrà contattarmi direttamente presso la parrocchia di San Marco». Presso il carcere di Latina opera anche la Caritas diocesana con uno Sportello di Ascolto per i detenuti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto