l'incontro a Roma

I diritti dei migranti sono diritti umani, Latina aderisce al manifesto per difenderli

Nell'incontro promosso a Roma da Open Arms accolta la proposta della sindaca di Barcellona

LATINA –  “Un sindaco che prende posizione e sostiene la politica dell’accoglienza non e’ solo a favore dei diritti dei migranti, è a favore dei diritti umanitari”. Lo ha detto di Latina Damiano Coletta, che questa mattina ha partecipato a Roma ad un incontro organizzato da Open Arms insieme al presidente Unar Luigi Manconi, con i sindaci di Napoli, Palermo e di altri comuni italiani, ma anche le sindache di Madrid e Barcellona.

La proposta emersa dall’incontro è stata di stilare un manifesto condiviso di città solidali per riaffermare  con forza e nettamente i valori democratici e il rispetto dei diritti umani in Europa. “Il manifesto proposto dalla sindaca di Barcellona Ada Colau per creare una rete di città che facciano sentire la loro voce per individuare un percorso politico per una Europa sociale che finalmente affronti il tema in maniera coordinata, è una strategia che abbiamo condiviso – ha detto ancora il sindaco di Latina – Sostenere politiche di accoglienza significa sostenere politiche umanitarie, rispettose dei diritti fondamentali dell’uomo. C’è  poi anche un discorso giuridico e politico-istituzionale da affrontare affinché’ i sindaci non restino soli di fronte a un fenomeno che per volere politico è stato indirizzato verso una guerra fra poveri. A medio termine potremmo avere davvero un problema di insicurezza a causa proprio del decreto sicurezza che provocherà dei costi sociali enormi per il venir meno di strumenti come lo Sprar. Voglio ricordare che nel 2018 c’è stato il 70esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e della nostra Costituzione e che nel 2019 saranno trascorsi 30 anni dalla caduta del muro di Berlino. Ecco, noi vogliamo buttare giù i muri, non alzarli”.

10 Commenti

10 Commenti

  1. Annalisa Italiana

    Annalisa Italiana

    10 Febbraio 2019 alle 9:10

    VOI…CI RIEMPITE CITTÀ, PAESI, LOCALITÀ, QUARTIERI, PALAZZINE DI 10-15-30-50-100…
    AFRICANI, SUI 20-30 ANNI, ABITUATI IN AFRICA A STUPRARE LE DONNE ED A MASSACRARE PER UN NON NULLA…
    ALCUNI VENGONO MANTENUTI DALLO STATO ITALIANO, MOLTI ALTRI SONO IN STRADA A SPACCIARE… NOI ITALIANI NON ABBIAMO PIÙ LA LIBERTÀ DI USCIRE, DI PORTARE I NOSTRI FIGLI AL PARCO (PERCHÉ ORMAI È TERRITORIO DI SBANDATI)
    STATE CREANDO IL CAOS IN TUTTA ITALIA, PER IL VS IPOCRITA BUONISMO…
    PERCHÉ INVECE NON FATE IL CAOS PER L’ITALIA ?
    PER LA GENTE ITALIANA, PER CREARE POSTI DI LAVORO, PER MIGLIORARE LA SANITÀ, L’ISTRUZIONE, PER LE INFRASTRUTTURE, PER RIQUALIFICARE I TERRITORI…
    TROPPO LAVORO VERO ?

    • Steve El Brady Barbolini

      Steve El Brady Barbolini

      10 Febbraio 2019 alle 9:36

      Giusto!.
      A onor del vero c’e’ da dire che lo spaccio ed il degrado esoatono da prima che venissimo invasi….pero’, almeno prima in qualche maniera era accettabile.
      Che dire…noi italiani siamo una grande risorsa per i nostri politici italiani ed europei….ma loro sono una risorsa piu’ redditizia.

    • Sergio Arienzo

      Sergio Arienzo

      10 Febbraio 2019 alle 15:40

      Annalisa Italiana ha ragione da vendere. A violentare le donne prima gli italiani così come era prima ed adesso visti i numeri.

  2. Rossella Ignarra

    Rossella Ignarra

    10 Febbraio 2019 alle 12:08

    Sì parla sempre di diritti… E i doveri?

  3. Antonio Ciarlo

    Antonio Ciarlo

    10 Febbraio 2019 alle 12:53

    quante scuse per coprire sto magna magna

  4. Salvador Ita

    Salvador Ita

    10 Febbraio 2019 alle 16:11

    Poveri noi come siamo ridotti male

  5. Vanessa Di Rezze

    Vanessa Di Rezze

    10 Febbraio 2019 alle 17:25

    Grazie maestrini del cazzo

  6. Emanuele Astearoma

    Emanuele Astearoma

    10 Febbraio 2019 alle 17:25

    Ma pensate alle buche, alle strade con radici alberi, alle strade senza illuminazione, alla spazzatura…. Ma x favore siate seri… Una volta, dai !!

  7. Carmen Del Valle Iannotti

    Carmen Del Valle Iannotti

    11 Febbraio 2019 alle 0:15

    Latina aderisce????io no di certo

  8. Roby

    11 Febbraio 2019 alle 11:09

    Che foto di gruppo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto