L'IMPEGNO

Lotta alla povertà estrema, una ragazza di Cori con The One di Bono Vox

Fabiana Fuschi ha 25 anni ed è stata selezionata come Youth Ambassador

(Fabiana e gli altri ragazzi hanno incontrato il Vicepresidente della Camera Ettore Rosato e il consigliere diplomatico del Primo Ministro, l’Ambasciatore Piero Benassi)

LATINA – Una ragazza di 25 anni di Cori parteciperà, insieme con altri 40 giovani attivisti selezionati con bando pubblico da tutta Italia, al programma Youth Ambassador dell’associazione anti-povertà The ONE di cui è fondatore  il leader degli U2, Bono Vox. Lei si chiama Fabiana Fuschi e il 28 marzo a Roma nell’ambito di questo programma ha preso parte a una serie di incontri istituzionali a Palazzo Chigi e presso la Camera dei Deputati.

A lei il compito di essere, a partire da oggi, portavoce di ONE a Latina, attivandosi per incontrare rappresentanti politici e organizzando eventi locali col fine di sensibilizzare l’opinione pubblica. “Sono molto orgogliosa di essere stata selezionata per il programma Youth Ambassador che sono sicura mi darà l’opportunità, nel mio piccolo, di far sentire la mia voce riguardo i temi che mi stanno più a cuore: la lotta alla povertà estrema, la parità di genere, il rispetto dei diritti umani – spiega Fabiana – Ritengo sia importante mettersi in gioco ed esortare i nostri rappresentanti politici a fare la propria parte e ad ascoltare la voce di tanti giovani che si stanno impegnando per rendere il mondo un posto migliore per tutti. Voglio inoltre dimostrare ai miei concittadini che, se ci uniamo e facciamo sentire la nostra voce, riusciremo a costruire un futuro migliore per tutti”.

Per Caterina Scuderi, referente di ONE per l’Italia “è davvero incoraggiante sapere di poter contare su un gruppo di giovani così dedicati e appassionati per portare avanti la nostra battaglia per un mondo libero dalla povertà estrema, dalle malattie prevenibili e dalle disuguaglianze sociali”. Insieme a ONE, Fabiana condurrà azioni di campagna in vista delle elezioni europee, del vertice del G7 e della conferenza di rifinanziamento del Fondo Globale per la lotta all’AIDS, la tubercolosi e la malaria, un’organizzazione pubblico-privata che punta a porre fine a tre delle malattie più mortali al mondo.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto