politica

Il parlamentare pontino Raffaele Trano (5Stelle) primo eletto nella commissione vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti

"Vigilerò con attenzione"

LATINA – Il deputato pentastellato pontino Raffaele Trano è stato eletto membro della commissione vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti. “Ringrazio i 277 deputati per l’attestazione di stima che mi hanno tributato oltre ogni aspettativa. Vigilerò con attenzione sul risparmio degli italiani, secondo le competenze sulla gestione separata che la legge assegna ai commissari – commenta il parlamentare di Formia  –  Durante questo primo anno in veste di capogruppo della commissione Finanze mi sono occupato a lungo di credito. Porrò la stessa attenzione verso Cassa Depositi e Prestiti, cassaforte del nostro Paese con oltre 4 miliardi di capitale sociale”.

Trano è stato proclamato primo eletto in seno alla Commissione  dalla vice presidente della Camera Maria Elena Spadoni. Entrerà per il Movimento 5 Stelle insieme al prof. Nunzio Angiola (268 voti) ed al sostituto Emilio Carelli.

CHE COMPITI HA LA COMMISSIONE  – Istituita nel 1913 con Regio Decreto, la Commissione di Vigilanza di Cdp è una delle più antiche istituzioni dello stato unitario. Si compone di 12 membri, 8 di nomina parlamentare, e quattro laici (3 nominati dal Consiglio della giustizia amministrativa ed 1 dal presidente della Corte dei Conti). L’organismo ha il compito di vigilare sulle attività in Gestione separata, ovvero quelle finanziate prevalentemente con fondi provenienti da Risparmio postale. Cassa Depositi e Prestiti è nata nel 1850, a Torino, all’epoca nel regno di Sardegna, con il compito di consentire lo sviluppo degli enti locali, attraverso la concessione di finanziamenti per la realizzazione di infrastrutture. Attualmente è diventata una società mista, controllata per l’82,77% dal ministero dell’Economia. Talvolta viene definita erratamente banca. In realtà è un “Istituto di promozione nazionale” che svolge un fondamentale supporto alla politica industriale italiana.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto