l'analisi

Matteo Adinolfi (Lega): “Non importa se l’ingresso a Bruxelles sarà ora o dopo la Brexit”

Il voto, le percentuali, le "eccezioni territoriali" e il partito-guida del centro-destra

LATINA – “Con l’elezione a Bruxelles, senza pensare se la proclamazione sarà immediata o arriverà dopo la Brexit, lavorerò fin da subito per dare a questa terra la giusta e necessaria attenzione istituzionale che la sua gente merita”. Le parole sono di Matteo Adinolfi responsabile territoriale della Lega che dopo la brutta sorpresa arrivata con i conteggi definitivi (prima dato per eletto, poi costretto ad attendere l’uscita del Regno Unito dall’Ue), ha deciso di commentare lo ” straordinario risultato elettorale, figlio del lavoro dei tanti che si sono spesi per portare in Europa le ragioni di un territorio e di una comunità che oggi vogliono essere protagonisti di un grande rilancio in termini di sviluppo economico e sociale”.

La Lega sbanca in provincia di Latina – scrive in un post –  con 91.230 preferenze e una percentuale del 38,90. Con le mie 22.670 preferenze, sono stato il candidato locale più votato di questa provincia e anche del comune di Latina.

“Essere il primo partito, con percentuali che sfiorano e superano il 40% dei consensi in quasi tutti i comuni della provincia, con alcune eccezioni territoriali come il comune di Fondi e di Gaeta, ci consegna una grandissima responsabilità, ma al tempo stesso offre al nostro territorio anche una grandissima opportunità – dice Adinolfi – Una scelta che ci ha portato a raccogliere in provincia ben oltre le 22mila preferenze personali sul mio nome, più di settemila solo nel capoluogo, secondo solo a Matteo Salvini, mentre a Latina città, la Lega sfiora il 42% scelta da un elettore su tre che ha scritto il mio nome, facendo segnare pressoché le stesse preferenze attribuite dai cittadini a Matteo Salvini e a Matteo Adinolfi.

Poi l’avvertimento all’Amministrazione Lbc, ma non solo: “Un segnale chiaro che ci indica come partito guida del centro destra e ci spinge a proseguire sulla strada fin qui percorsa, lavorando insieme alle altre forze politiche per dare alla nostra città una chiara alternativa ad un’amministrazione sorda e cieca davanti alle richieste e ai bisogni dei suoi cittadini”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto