coinvolti anche i figli minori della donna

Latina, violentata nell’androne del palazzo dallo stalker

I carabinieri arrestano Silvio Guerrera, era stato capo di un clan mafioso a Palermo

LATINA – Si erano conosciuti per caso, frequentando le stesse zone, e lui si era invaghito di lei. Inizialmente l’aveva corteggiata, ma vedendosi rifiutato aveva cominciato a perseguitarla, a minacciarla fino alla violenza sessuale consumata nell’androne del palazzo in cui la signora, una 44enne residente a Latina, vive con i figli minorenni.  E’ stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Latina guidati dal Capitano Carlo Maria Segreto, Silvio Guerrera, un uomo originario della Sicilia, collaboratore di giustizia, già coinvolto in fatti di mafia a Palermo, residente a Latina. E’ accusato di stalking, violenza sessuale, porto abusivo d’arma da fuoco e furto con strappo. Tra le varie aggressioni messe in atto infatti c’è anche lo scippo della borsa della donna: voleva avere le chiavi di casa per poter accedere liberamente all’appartamento della sua vittima. Dopo alcuni mesi e vista l’escalation, la donna, i primi di maggio ha deciso di andare dai carabinieri e denunciare tutto. Ieri è stata eseguita l’ordinanza di custodia cautelare. Un anno fa Guerrera, che si trovava ai domiciliari,  era stato arrestato dai carabinieri per evasione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto