ambiente

Posizonato il bidone aspirarifiuti Seabin nel porto di Gaeta

L'iniziativa LifeGate PlasticLess è a cura di Volvo grazie all'impegno della Volvo Icar di Latina

GAETA – Volvo ha sposato lo scorso anno la causa del progetto LifeGate PlasticLess per la riduzione delle plastiche nel mare effettuando la posa di tre dispositivi Seabin (nei porti di Marina di Varazze, Marina di Cattolica e Venezia Certosa Marina), ora il progetto si amplia coinvolgendo quest’anno numerosi punti chiave dei litorali italiani grazie al contributo di alcuni dei concessionari più attivi della rete ufficiale Volvo in Italia.

E ieri il dispositivo Seabin è stato posato nel porto di Gaeta, alla presenza di una rappresentanza di Volvo Car Italia, dei titolari della concessionaria Volvo ICAR di Latina Barbara Donati e Renzo Calzati, del Vice-Sindaco e Assessore al Turismo del Comune di Gaeta Angelo Magliozzi, dell’Assessore all’Ambiente Felice D’Argenzio e di altre autorità locali.

Alla base del convinto sostegno all’iniziativa da parte della concessionaria Volvo ICAR è la sensibilità alle tematiche ambientali propria dei titolari Barbara Donati e Renzo Calzati, presente a Latina da cinquant’anni.

L’iniziativa legata al progetto LifeGate PlasticLess sostenuta da Volvo Car Italia e dalle concessionarie Volvo si inserisce in un impegno ad ampio respiro di Volvo Cars a favore del ridotto impatto ambientale e della sostenibilità e rafforza la collaborazione fra Volvo Car Italia e LifeGate, società riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile. L’iniziativa è inoltre attuata in collaborazione con le amministrazioni locali più sensibili alla tematica della salvaguardia dei mari.

I dispositivi Seabin utilizzati nell’ambito del progetto LifeGate PlasticLess per la raccolta dei rifiuti galleggianti risultano particolarmente efficaci in aree come i porti, all’interno dei quali – grazie all’azione dei venti e delle correnti – convergono i rifiuti scaricati in mare. Un dispositivo è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm, sempre più diffuse e pericolose. Trovandosi nel sale marino e venendo ingerite dai pesci, le microplastiche entrano nella nostra catena alimentare.

“Il nostro company purpose è ben definito: Freedom to Move in a Personal, Sustainable and Safe way,” afferma Chiara Angeli, Direttore Sales & Marketing Volvo Car Italia. “La sostenibilità, ancora una volta è ribadita elemento fondamentale della filosofia di Volvo ed è condivisa da tutti gli elementi della filiera, dalla Casa madre alle filiali nazionali fino ai concessionari della rete Volvo.  Per questo motivo, proprio insieme ad alcuni concessionari abbiamo deciso di contribuire concretamente al progetto di pulizia dei mari, rafforzando il nostro impegno nell’iniziativa LifeGate Plasticless. È uno dei modi con i quali Volvo contribuisce a migliorare la qualità della vita nell’ambiente che ci circonda, nel territorio nel quale viviamo e operiamo, coerentemente con l’attenzione alle persone che è propria del nostro Brand.”

“La filosofia di Volvo di porre sempre le persone al centro delle proprie attività, sia che si tratti di sicurezza o di sostenibilità, è stato uno dei principali motivi che ci ha spinti a voler entrare a far parte della rete di concessionari Volvo. Per questo quando Volvo Car Italia mi ha proposto di aderire al progetto dei Seabin, ho accettato con grande entusiasmo”, dichiara Barbara Donati, contitolare della concessionaria ICAR Spa di Latina. “Con questo progetto, possiamo contribuire concretamente al miglioramento della salute del nostro territorio. Come imprenditore faccio mie le tematiche etiche del brand che rappresento, da sempre attento all’ambiente e alla sicurezza” aggiunge Renzo Calzati, contitolare della concessionaria ICAR Spa di Latina.

“Siamo felici di consolidare la nostra collaborazione con Volvo Car Italia che prosegue nell’impegno rivolto alla sostenibilità e negli obiettivi del progetto LifeGate PlasticLess, la prima sfida italiana volta alla pulizia dei mari dai rifiuti plastici.”  Questo il commento di Enea Roveda, CEO di LifeGate, che aggiunge: “Quest’anno siamo orgogliosi di condividere la nostra missione anche con i concessionari, chiamati a svolgere un ruolo attivo di salvaguardia del territorio e di sensibilizzazione a livello locale’’.

“Gaeta è una meta turistica tutto l’anno e salvaguardare il nostro mare e il paesaggio circostante significa garantire un futuro migliore alle future generazioni,” spiega il sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano.  “In questi anni, in sinergia con le Istituzioni preposte del territorio e non solo, abbiamo adottato tutte quelle misure per salvaguardare l’ambiente e soprattutto la risorsa mare. Il progetto LifeGate PlasticLess per la lotta alle plastiche nei mari italiani è un’iniziativa lodevole. È necessario, infine, un percorso di crescita culturale finalizzato ad aumentare la consapevolezza del fatto che la tutela e la salvaguardia dell’ambiente passano anche attraverso una mobilità sostenibile per arrivare a un trasporto, pubblico e privato, che non produca emissioni nocive ed inquinanti.”

I concessionari Volvo che supportano la posa di nuovi dispositivi Seabin in alcuni dei principali porti italiani coprono, con il loro raggio d’azione, una parte significativa del territorio italiano. Una volta che la posa dei dispositivi sarà completata, l’intera operazione sarà oggetto di un evento dedicato che si terrà nel corso del mese di giugno presso al Volvo Studio Milano, che continuerà così nella propria opera di diffusione dei valori principali del marchio Volvo e della cultura di sostenibilità di cui Volvo è promotore attivo.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto