cinema

Latina, quarto film per il cineforum Astrolabio: “Non sposate le mie figlie”

Giovedì 16 dicembre al One Stop Shop ad ingresso gratuito

LATINA –  Giovedì 16 dicembre (alle 2o,30) per la rassegna “Incontra cinema: mondi a confronto” sarà proiettato il film “Non sposate le mie figlie” di Philippe De Chauveron. L’appuntamento al Centro servizi  “One Stop Shop” di Via Don Morosini 12 (in foto) è con il cineforum promosso dalla Cooperativa Astrolabio e dal Comune di Latina, nell’ambito del progetto, LGNet che ha il compito primario di avvicinare i giovani (e non solo) al cinema quale espressione artistica interculturale ed inclusiva. Tutte le pellicole proiettate trattano il tema della (difficile) vita dei migranti all’estero.

“La narrazione cinematografica ha una grande valenza formativa poiché incide sulla sfera emotiva delle persone, sviluppa l’empatia ed il pensiero divergente – spiegano gli organizzatori in una nota –  In questa rassegna vengono proposti film che trattano problematiche importantissime, quali, l’inclusione, la legalità, la diversità, gli affetti e l’immigrazione, a volte viste in maniera realistica e drammatica, a volte viste , in chiave comica e sociale”.

Dopo la visione del film si può partecipare a un momento di riflessione e di approfondimento per esprimere le proprie impressioni ed emozioni. L’ingresso è gratuito, con green pass obbligatorio.

LA TRAMA  – “Non sposate le mie figlie” (2014) è  una divertente commedia in cui i protagonisti , Claude e Marie Vernueil sono la classica coppia borghese cattolica che ha allevato le quattro figlie secondo i principi di tolleranza e integrazione della cultura francese.Le loro convinzioni ,però vengono messe a dura prova dai matrimoni delle loro tre figlie , rispettivamente, con un mussulmano, un ebreo, un cinese.Tutte le loro speranze di assistere ad un matrimonio tradizionale, in chiesa, vengono riposte nella loro ultima figlia, che gli riserverà, però, un’ulteriore sorpresa.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto