le celebrazioni

84° Latina, il sindaco Coletta: “Cultura del lavoro, della solidarietà e dell’inclusione per ricostruire la città”. Il vescovo Crociata:”Non sedetevi sugli allori”

Oltre mille iscritti alla Maratona di Latina. Due film-doc per raccontare pezzi di storia della città

[flagallery gid=652]

LATINA – Latina deve ripartire e lo deve fare dai valori che hanno consentito di farla nascere e crescere dal nulla, e anzi da una palude, 84 anni fa. Tenendo ben presente la legalità in una strada da percorre insieme, amministratori e cittadini, ognuno con le sue precise responsabilità. Lo hanno detto in modi diversi nei loro discorsi il sindaco Damiano Coletta e il vescovo Mariano Crociata, parlando rispettivamente nella piazza del Cancello Caetani a inizio di giornata e nella Cattedrale di San Marco alle 18.

Dopo aver presenziato allo start della Maratona di Latina, il primo cittadino con le altre autorità si è diretto in Piazza del Quadrato per il tradizionale omaggio al Monumento al Bonificatore e ha parlato alla città. “Ripartire dalla cultura e dal rispetto delle regole”, ha detto Coletta

ASCOLTA IL SINDACO

IN CATTEDRALE – E il vescovo Mariano Crociata ha presieduto la celebrazione eucaristica in occasione dell’anniversario della dedicazione della Cattedrale di San Marco e della fondazione della città : “Mi sembra opportuno accennare alla straordinarietà dell’anno che la città ha vissuto, sia sul piano delle vicende giudiziarie che su quello amministrativo per dire – ha sottolineato Crociata – che Non siamo mai degli arrivati. Ogni giorno dobbiamo riconquistare il bene che intravediamo e che cerchiamo. E se, magari con la nostra partecipazione, eventualmente abbiamo fatto qualche passo significativo in avanti, allora la cosa di cui preoccuparsi è di non adagiarsi sugli allori, come se tutto fosse risolto”.
ASCOLTA IL VESCOVO CROCIATA

Nel pomeriggio due documentari proiettati al D’Annunzio, “L’ospedale che non c’è più” di Gabriele Brocani e “Se 80 anni vi sembran pochi” di Gianfranco Pannone hanno raccontato pezzi importanti della storia della città.
Bene anche la Maratona di Latina: 1100 iscritti hanno accolto il ritorno in città della 42 chilometri e 195 metri oltre che della Stracittadina. Centro blindato, e chiusura a tempo per le altre strade al passaggio degli atleti, qualche disagio certo per il traffico, ma se ce la fa la Capitale a sopportare una maratona a maggior ragione ce la può dare, un giorno all’anno, Latina. Al traguardo sono arrivati primi Marco Romano e la pontina Laura Chimera.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto