l'avventura

Ragazze di Latina a Kos, trasferite ad Atene, oggi il rientro in Italia

Farnesina fantasma, i genitori hanno chiesto invano aiuto al Ministero

Shares

La pagina web del quotidiano greco Rodiaki riporta in primo piano la notizia del terremoto a Kos

LATINA – Rientreranno oggi in Italia, le quattro ragazze di Latina che erano sull’isola greca di Kos la notte del terremoto. Di certo non dimenticheranno il loro viaggio di maturità, un premio arrivato al termine del ciclo di studi al Liceo Classico Dante Alighieri. Sono state ore di attesa e di apprensione per le famiglie che si trovavano nel capoluogo dal momento della telefonata arrivata in piena notte, quando le studentesse erano appena fuggite da un locale nel quale si trovavano, riuscendo fortunatamente a mettersi  in salvo. ma non erano rassicuranti le immagini che arrivavano dall’isola: edifici crollati, auto seppellite dalle macerie, barche sbattute sugli scogli e la banchina del porto pesantemente danneggiata.

“Abbiamo visto crollare il pub in cui eravamo state le sere precedenti – hanno raccontato le ragazze ai genitori  – E’ stato terribile, c’erano feriti gravi ed è stato uno shock vedere i soccorritori prendere un ragazzo che aveva perso le gambe”. Catapultate dal paradiso che è l’isola nel Mare Egeo, di fronte alle coste turche, all’esperienza del terremoto, spaventate, mentre le autorità locali avevano lanciato l’allarme tzunami (poi il fenomeno ha avuto riflessi meno gravi del previsto), hanno avvertito le famiglie di stare bene e i genitori, si sono immediatamente attivati per avere assistenza dalla Farnesina: tutto inutile.

In attesa di riabbracciarle, grazie ai cellulari, si sono tenute costantemente in contatto con casa, poi in serata la soluzione. Le ragazze che avevano trascorso la notte nella piazza centrale di Kos, e poi con altre decine di persone tra cui famiglie di italiani con bimbi piccoli, si erano dirette verso l’aeroporto,  ieri sera sono riuscite ad imbarcarsi su un volo per Atene. Oggi faranno rientro in Italia con un secondo aereo.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto