11 febbraio

Femministe di Latina al lavoro per il campo progressista

Primo appuntamento con Marta Bonafoni e Cecilia D’Elia alla ex Stoà

LATINA – Le femministe di Latina vogliono avere un ruolo nella ricostruzione di un campo progressista e per parlarne è stato organizzato un appuntamento, lunedì 11 febbraio alle ore 18 nel locale “8-11 Forchetta e Pennello” (l’ex STOÀ) in via Cesare. Ci saranno Marta Bonafoni, Cecilia D’Elia e le donne di Latina che hanno promosso l’iniziativa. E anche se l’insegna è evidentemente pro-Zingaretti, lo spazio vuole essere aperto anche alle non iscritte al Pd e l’appello è rivolto a tutte.

“L’8 gennaio  – spiegano le organizzatrici – si è costituita a Roma Piazza Grande Femminista Roma e Lazio, un luogo di discussione e di relazione dentro la corsa di Nicola Zingaretti alla segreteria del Partito Democratico. Alcune donne di Latina, pur non essendo iscritte al Partito Democratico hanno risposto a questo appuntamento convinte che l’esito delle elezioni politiche del 4 marzo, la grave sconfitta del centrosinistra e di tutta la sinistra in generale, imponessero un percorso di rigenerazione di un nuovo campo progressista, rinnovato nelle pratiche e nelle proposte. Piazza Grande Femminista, anche a Latina, si propone pertanto come uno spazio aperto, inclusivo, energico, vero”.

“Una opportunità  – aggiungono – per fare esplodere la questione femminista dentro un dibattito destinato ad andare oltre il marzo, nella consapevolezza che le donne oggi impegnate nell’associazionismo femminista sono già politica, sono dentro i processi, prendono parola e costruiscono risposte. Serve però uno spazio, ora: per contaminare un percorso in cui crediamo.
Non per il Pd ma per il Paese. Per costruire un’alternativa credibile al governo giallo-verde, maschilista, sovranista e familista”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto