Studio Associato Medica: la parola agli Esperti

Cellulite: Inestetismo o Malattia?

Le soluzioni per dire addio ad uno dei problemi che affligge la maggior parte delle donne

cellulite

Malgrado sia presente in una percentuale di donne compresa tra l’80 e il 90%, la cellulite non si può considerare una condizione fisiologica, cioè “normale”.

La cellulite dovrebbe essere considerata una malattia a tutti gli effetti e, come tale, può essere combattuta grazie all’aiuto del medico. Gli strumenti per gestire questa patologia, il più delle volte, vengono forniti dalla dermatologia estetica, la branca della medicina estetica gestita da medici specialisti in dermatologia.

I dermatologi estetici, grazie ad una conoscenza approfondita dell’organo cute, possono offrire oggi la soluzione più adeguata e personalizzata per combattere non solo la cellulite ma anche l’adiposità localizzata e il rilassamento cutaneo, con conseguente rimodellamento corporeo.

LE MIGLIORI TERAPIE CONTRO LA CELLULITE: VELASHAPE II

Oggi, per contrastare la cellulite, sono disponibili terapie poco invasive e molto efficaci.

Tra queste troviamo Velashape II, la prima ed unica apparecchiatura medicale non invasiva, approvata dall’FDA americana per il rimodellamento corporeo ed il trattamento della cellulite.

Grazie alla rivoluzionaria tecnologia Elos (combinazione di Radiofrequenza bipolare, Luce ad Infrarossi, Aspirazione e Massaggio meccanico), Velashape II offre risultati sicuri perché tratta sia il tessuto profondo che gli strati superficiali della cute.

La cellulite viene aggredita da Velashape II in tutti i suoi aspetti: i rulli ed il vacuum effettuano un massaggio connettivale profondo in grado di sollevare una plica di tessuto e concentrare su di essa infrarossi e radiofrequenza.

Il trattamento riduce le dimensioni delle cellule adipose e drena i fluidi in eccesso, portando ad una riduzione della circonferenza dell’area trattata, con risultati visibili già dopo due sedute.

CREME PER LA CELLULITE: SI’ O NO?

Nel mondo della dermocosmesi, è ormai luogo comune pensare che l’applicazione di creme per il trattamento della cellulite sia inefficace; tuttavia, se utilizzate all’interno di un protocollo ben strutturato, sono uno strumento di valido aiuto.

Possiamo citare, per esempio, i preparati a base di fosfatidilcolina che possono dare grandi risultati. Questa sostanza, derivata dalla lecitina di soia, provoca la rottura dell’adiposità con cui viene in contatto e ne scioglie il contenuto grasso.

Di questi giorni anche la rivoluzionaria novità della linea Zo Skin Health per il trattamento della cellulite, Oraser Cellulite Control. Il Dott. Zein Obagi, dermatologo delle star di Beverly Hills, ha messo a punto un prodotto per il trattamento della cellulite che promette risultati eccezionali anche per le donne più pigre!

CELLULITE E FISIOTERAPIA: IL LINFOTAPING

L’argomento della cellulite ci permette di spaziare alla medicina alla fisioterapia: il Linfotaping è quella tecnica che si avvale dell’utilizzo di cerotti da applicare sulla zona interessata, così da ottenere un continuo massaggio linfodrenante attraverso una leggera ma costante pressione sul tessuto.

PRATICHE INFILTRATIVE: CARBOSSITERAPIA E MESOTERAPIA

Nell’ambito delle pratiche mediche infiltrative troviamo molte soluzioni, che vanno da metodiche più superficiali ad infiltrazioni più profonde.

Tra le prime possiamo citare la Carbossiterapia e la Mesoterapia.

CARBOSSITERAPIA: L’INIEZIONE DI ANIDRIDE CARBONICA

Giusto un anno fa, sul Corriere della Sera, si parlava della “moda milanese della carbossiterapia”: la metodica non è affatto nuova in medicina: compare infatti un secolo fa nel trattamento delle patologie del microcircolo, come il fenomeno di Reynaud, e poi viene importata in dermatologia estetica nel trattamento di cellulite, rilassamento cutaneo, rughe, cicatrici, smagliature e adiposità localizzata.

Ma perché iniettare anidride carbonica nei tessuti? Intanto perché è un elemento che il nostro corpo ben conosce, che è perfettamente in grado di assorbire attraverso il sangue e di eliminare per via respiratoria. Questo lo rende un trattamento sicuro e atossico.

Nel suo breve passaggio nella cute, l’anidride carbonica è in grado di agire a più livelli: favorisce la circolazione sanguigna e quindi l’ossigenazione dei tessuti, e quando un tessuto è ben irrorato semplicemente funziona meglio, quindi si avrà uno smaltimento di scorie e liquidi con una pelle più liscia e tonica.

E’ inoltre in grado di attivare gli enzimi capaci di sciogliere e riassorbire i grassi, agendo cosi sugli accumuli adiposi.

Generalmente si effettua una seduta a settimana per un ciclo di 10-12 sedute, dopodichè si procede con una seduta al mese; ogni seduta dura circa 10-15 minuti ed è leggermente fastidiosa ma assolutamente non dolorosa, in ogni caso sopportabilissima.

MESOTERAPIA: UNA TECNICA DEL 400  A.C.

Lo stesso protocollo terapeutico interessa la Mesoterapia. La tecnica , risalente già al 400 a.C. prevede l’iniezione sottocutanea di dosi ridotte di farmaco, che si diffonde velocemente nei tessuti con scarsissimi effetti collaterali e senza il coinvolgimento di altri organi.

Lo scopo, sia che si utilizzino farmaci omeopatici o tradizionali, è quello di ridurre il ristagno di liquidi nei tessuti cutanei e sottocutanei, e contemporaneamente di tonificare ed elasticizzare la cute.

CELLUTE E TECNICHE INVASIVE: LECILISI E LIPOSUZIONE

Le tecniche più invasive prevedono anche infiltrazioni nel derma profondo di sostanze già citate sopra, come la fosfatidilcolina: questa deve iniettata tramite aghi sottili direttamente nel grasso sottocutaneo, con conseguente progressiva riduzione dell’adiposità localizzata: si parlerà quindi di lecilisi o liposuzione chimica.

A breve, inoltre,  verrà presentato da Allergan Kybella, una versione specifica del farmaco dedicata al trattamento del “doppio mento”.

E’di fondamentale importanza, naturalmente, che queste procedure vengano gestite solo da medici specializzati e autorizzati ai vari trattamenti.

IN CONCLUSIONE

Le soluzioni al problema che affligge la maggior parte delle donne sono molteplici, e l’approccio deve essere assolutamente personalizzato.

Tra macchinari medicali, punturine, creme e integratori, per non incorrere in risultati scarsi e deludenti, la cosa migliore è affidarsi a mani esperte e a medici formati per gestire al meglio il  problema.

Studio Associato Medica, a Latina in V.le P.L. Nervi, offre molteplici soluzioni per sconfiggere la cellulite. L’esperienza dello staff medico, unita ad un costante studio e aggiornamento sulle ultime terapie in commercio, permette di raggiungere grandi risultati in tempi brevi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto