flash

Servizio rifiuti, il Consiglio di Stato censura il Comune di Latina, rischio tegola su Abc

I giudici accolgono il ricorso di De Vizia: c'è un errore di procedura nell'annullamento del bando di gara

LATINA – Una tegola rischia di abbattersi su Abc, l’azienda municipalizzata che gestisce la raccolta dei rifiuti a Latina. Il Consiglio di Stato ha infatti accolto il ricorso della De Vizia Transfer Spa “nei limiti di cui in motivazione” per  un vizio procedurale nell’ annullamento della gara. Secondo una prima lettura, in sostanza, sarebbe stato troppo breve il tempo trascorso tra la comunicazione di avvio del procedimento di annullamento della gara e la determina con cui la stessa viene poi annullata, non avendo  De Vizia avuto il tempo sufficiente per depositare le proprie repliche prima della determina di annullamento nel momento in cui il Comune sceglieva tra esternalizzazione del servizio di igiene urbana e  internalizzazione del servizio e  costituzione dell’Azienda Speciale ABC. Il Comune aveva vinto al Tar ma questa vicenda rimette in gioco il privato che era stato escluso.

“La sentenza odierna non entra nel merito delle scelte politiche operate da questa Amministrazione né sull’operato dell’Azienda Speciale – dicono dal Comune sottolineando che “si tratta comunque di una vicenda estremamente complessa  che necessita senza dubbio di ulteriori approfondimenti e che fa salvi in ogni caso gli ulteriori provvedimenti di competenza dell’Amministrazione”.

L’Amministrazione ha già dato mandato ai Servizi competenti di mettere in atto gli adempimenti necessari all’esecuzione della sentenza, mentre l’Azienda Speciale ABC nel frattempo continuerà a garantire il servizio di igiene urbana e tutti gli atti successivi saranno concordati con il Comune.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto