il 14 dicembre

Rifiuti, Latina convoca la conferenza di servizi su Borgo Montello

Bellini: "Servono percorsi condivisi"

LATINA – Si terrà lunedì prossimo (14 dicembre), convocata dal Comune di Latina, la Conferenza di Servizi sul sito unico della discarica di Borgo Montello, “nella quale  – spiega l’assessore Dario Bellini – si discuterà della improcrastinabile necessità che in quei luoghi vengano svolte le operazioni di bonifica e gestione post mortem del sito”.
La conferenza si riunisce mentre la Provincia, sollecitata anche dalla Regione Lazio, prosegue il suo lavoro con i sindaci pontini alla ricerca del sito più idoneo per lo stoccaggio di inerti e il nome di Latina, da sempre sulla  posizione del “noi abbiamo già dato”, tende a tornare sempre a galla.

L’assessore all’ambiente del Comune di Latina spiega che “l’Amministrazione ha convocato questa Conferenza anche alla luce delle risultanze delle approfondite analisi svolte da ARPA Lazio lo scorso maggio sui due impianti presenti a Borgo Montello, analisi che hanno evidenziato in modo incontrovertibile lo stato di pesante inquinamento delle falde acquifere sottostanti” e – dice bellini –  È in questa direzione che stiamo continuando a lavorare, nel rispetto di quanto stabilito dalla delibera di Consiglio Comunale di Latina n. 1/2020, vista anche l’urgenza evidenziata nell’ultima Conferenza dei Servizi del 12 dicembre 2019 da tutti gli Enti preposti quali ARPA, ASL e Provincia di Latina. Operare senza ulteriori indugi la bonifica dei luoghi e l’avvio della gestione post mortem è un dovere istituzionale verso un territorio che in oltre 50 anni ha raccolto rifiuti per oltre 7 milioni di metri cubi da tutto il territorio provinciale ed oltre”.

L’assessore all’ambiente sdice espressamente la sua a proposito dell’imminente individuazione dei nuovi impianti: “I criteri cui si deve far riferimento sono quelli stabiliti dal piano provinciale e da quello regionale e non altri arbitrariamente selezionati. È nostro dovere pianificare il futuro dei nostri territori e per farlo abbiamo tutti gli strumenti necessari: un piano provinciale dei rifiuti, una zonizzazione, un piano regionale dei rifiuti, l’obbligo per la Regione Lazio di istituzione degli ATO prima di individuare i possibili siti. Il Comune di Latina è pronto a fare la propria parte e ci aspettiamo che tutti gli attori coinvolti in questa vicenda facciano lo stesso. Perché solo attraverso percorsi condivisi potremo arrivare a una soluzione capace di futuro per tutta la comunità pontina”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto