primi passi per l'inchiesta

Sonnino, la salma di Vittorio Iacovacci stasera a Roma, domani l’autopsia

In tutti i Comuni Italiani bandiere a Mezz'asta. Il sindaco De Angelis: "Vittorio eroe sonninese"

LATINA – Mentre sono in corso le procedure per far rientrare le salme del carabiniere di Sonnino Vittorio Iacovacci e dell’ambasciatore Luca Attanasio, morti ieri in Congo  in un attentato nel quale ha perso al vita anche l’autista del convoglio Mustapha Milambo, la presidenza congolese ha inviato un emissario in Italia per consegnare una lettera personale al premier  Mario Draghi, assicurando il massimo impegno per la ricerca di verità che oggi sembra molto più fumosa di ieri.

L’aereo militare italiano che riporterà a casa i corpi dei due servitori dello Stato, dovrebbe rientrare a Roma in serata e domani al Policlinico Gemelli di Roma sono previste le autopsie disposte dalla Procura di Roma che ha aperto un fascicolo di indagine per sequestro di persona con finalità di terrorismo. Le indagini sono delegate ai carabinieri del Ros.

Come detto, le ricostruzioni oggi appaiono piene di interrogativi dopo che i principali indiziati dell’attentato, le Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (Fdlr), hanno negato il loro coinvolgimento nella strage accusando gli eserciti congolese e ruandese.

A Sonnino intanto tutta la comunità è in lutto: bandiere a mezz’asta oggi nel piccolo comune pontino dove risiede la famiglia del carabiniere ucciso e dove lui stesso programmava di vivere una volta sposato. “Ci uniamo alle parole del presidente dell’Anci, Antonio Decaro – ha detto il sindaco Luciano de Angelis – Manifestiamo insieme, come un’unica comunità, la nostra partecipazione alle famiglie che hanno perso i loro cari e la nostra appartenenza al Paese del quale Attanasio e Iacovacci erano fedeli servitori. La nostra rinnovata vicinanza alla famiglia di Vittorio, eroe Sonninese”, si legge in un post firmato dal primo cittadino che ha dichiarato lutto cittadino nel giorno delle esequie.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto