Ruote ferme, pedoni salvi

Investimento davanti al Manzoni: “Mettiamo in campo gli assistenti pedonali”

L'Associazione Vittime della strada propone al Comune un progetto di formazione destinato a chi ha commesso reati

LATINA – Quanto accaduto su Viale Le Corbusier a Latina, di fronte al Liceo Manzoni dove ieri è stata investita una docente d’inglese rimasta gravemente ferita, “rivela ancora una volta la scarsa attenzione alla sicurezza stradale, nonostante i numerosi appelli che negli anni si sono susseguiti”.  Lo dice l’Associazione Familiari Vittime della strada che ha proposto ufficialmente al Comune di Latina il progetto “Ruote ferme, pedoni salvi”, partito in via sperimentale a Torino.

Il progetto si fonda  – spiegano dall’AFVS – su un protocollo di intesa tra l’Associazione e il Comune di Latina, per la formazione di assistenti pedonali da individuare tra le persone impiegate nei lavori di pubblica utilità ai fini della messa alla prova e come pena sostitutiva, dunque tra persone che hanno commesso reati (magari proprio stradali ndr). “L’Assistente pedonale dovrà essere adeguatamente formato dagli agenti di Polizia Locale, per presidiare gli attraversamenti pedonali a rischio, e non solo quelli davanti alle scuole, agevolando il transito dei pedoni, equipaggiato con pettorina ad alta visibilità, paletta e body- cam (supporto digitale audio-video)”.

Chiara l’utilità per la sicurezza stradale, mentre dal punto di vista della misura alternativa alla pena  “l’ attività consentirà loro di interiorizzare la gravità del reato commesso”, aggiungono dall’Associazione. Il progetto, se il protocollo d’intesa vedrà la luce sarà a costo zero per l’Amministrazione comunale essendo finanziato dal Fondo Vittime della Strada.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto