la situazione

Emergenza Ucraina, 311 profughi assistiti dal servizio Welfare del Comune di Latina

Prosegue la raccolta di beni in Via Cervone

LATINA – A 60 giorni dall’inizio della guerra sono 311 le persone ucraine assistite dal Servizio Welfare del Comune di Latina, la maggior parte delle quali ospiti di connazionali già residenti nel capoluogo pontino. E prosegue la raccolta di beni di prima necessità presso il Centro Operativo Comunale di Via Cervone destinati a chi ne fa richiesta. E’ possibile donare il lunedì e il venerdì, nella fascia oraria dalle 15.00 alle 17.00 cibo in scatola come carne, tonno, legumi, zuppe, verdure (non in vetro), latte a lunga conservazione, biscotti/merendine, succhi di frutta, olio, zucchero, pasta (preferibilmente nel formato “da minestra”), prodotti per bambini, pannolini, salviette igieniche, omogeneizzati, prodotti per l’igiene personale, biancheria personale nuova e confezionata (asciugamani, accappatoi, calzini, intimo per bambini). “Si raccomanda sempre di donare prodotti che non abbiano una scadenza a breve termine” dicono dal Comune.

La Protezione Civile può poi ritirare le raccolte effettuate dagli istituti scolastici di Latina che ne fanno richiesta scrivendo all’indirizzo email aiutiucraina@comune.latina.it e concordando giorno e ora. Anche le aziende private possono proporre donazioni di merce, raccogliendo sempre le categorie merceologiche richieste, e inviare la richiesta di ritiro alla Protezione Civile utilizzando lo stesso indirizzo email.

Dal 5 aprile, inoltre, è aperto uno sportello del Comune per fornire informazione e orientamento a immigrati extracomunitari, con 2 mediatrici interculturali ucraine. Si trova presso la sede del Servizio Accoglienza e Integrazione in Via Armando Diaz n.14, 4° piano, ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.20 e il martedì e il giovedì anche dalle 15.00 alle 17.00.

Sul sito del Comune, nella sezione “Emergenza Ucraina” in home page, ci sono tutte le indicazioni su come mettersi in contatto con il Servizio Welfare.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto