cronaca

Latina, tenta di uccidere la fidanzata, poi la sequestra: arrestato un 21enne

I fatti il 19 maggio, lei di libera e va al pronto soccorso ferita

LATINA – Ha puntato un taglierino alla gola della fidanzata, picchiandola poi e chiudendola in casa a chiave. E stato arrestato con le accuse di sequestro di persona, lesioni personali e tentato omicidio un ragazzo di 21 anni residente a Latina, ma di origini straniere, fermato dalla polizia sabato 28 maggio su provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il  giovane, nel corso di una violenta lite con la ragazza a cui era legato da un rapporto sentimentale, l’aveva minacciata con un taglierino, poi aveva anche tentato di soffocarla a mani nude, minacciando che l’avrebbe ammazzata, chiudendola quindi in casa contro la sua volontà tra il 19 ed il 20 maggio dopo averla picchiata violentemente, tanto da provocarle lesioni guaribili in 30 giorni. Solo una volta essersi liberata la ragazza è riuscita a fare ricorso alle cure dei sanitari che le hanno riscontrato delle lesioni gravi. Dopo questo episodio, e dopo che la vittima era stata dimessa dall’ospedale, il giovane ha continuato ad importunarla e contattarla telefonicamente in maniera insistente, causandole un intenso stato d’ansia.

L’Autorità giudiziaria, concordando con la tesi investigativa dei poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ha disposto la custodia cautelare in carcere, “misura – spiegano dalla Questura – ritenuta idonea a contenere gli istinti violenti ed i comportamenti incontrollabili e sproporzionati commessi dall’indagato”. Al termine delle formalità di rito, il 21enne e stato portato nella casa circondariale di via Aspromonte a Latina

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto