di e con angela Iantosca

Anzio, legalità e territorio

La pervasività delle mafie sul litorale

angela Iantosca“Ci sono tutte le ragioni per chiedere la commissione d’accesso ma è un compito che spetta alla Prefettura e solleciteremo un intervento in tal senso” – lo ha detto il senatore Franco Mirabelli, capogruppo Pd in commissione antimafia, concludendo l’incontro “Legalità e territorio” che si è svolto qualche giorno fa a Villa Sarsina, sede del Comune di Anzio, organizzato dal Comitato Unitario per la Legalità ad Anzio.

Incontro durante il quale si è messo in evidenza la pervasività delle mafie ad Anzio e sul litorale.

Il giornalista Giovani Del Giaccio ha sottolineato come: “Nelle diverse indagini che riguardano il Comune esistono stessi personaggi e modalità per voto di scambio, abuso d’ufficio e corruzione. Con l’avvento delle cooperativa assistiamo a una sorta di Anzio Capitale e non lo cito a caso. Nelle intercettazioni di Mafia capitale, sistema basato su questa cooperazione, Buzzi dice di aver buttato 150.000 euro ad Anzio, spero che si stia indagando su dove e perché. Qui abbiamo fatto mettere il vestito bello alla delinquenza locale, avvicinata dalla camorra o da chi si spaccia per esserne affiliato, è stata usata per avere voti o se non altro – lo dicono le indagini – per favorire i soci elettori di…. Se poi si fa un’estorsione perché i soldi finiscano alla moglie di un boss detenuto, siamo arrivati alla fine. Al di là delle responsabilità penali sono le modalità che non vanno bene, unite all’intolleranza e alle minacce verso chiunque dissenta”.

Tra gli intervenuti anche Giampiero Cioffredi dell’Osservatorio sulla Legalità e la Sicurezza nel Lazio.

Ascolta Radio Libera con Angela Iantosca, in onda il mercoledì su Radio Luna 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto