l'inaugurazione

Medici e dentisti in soccorso dei poveri con la Caritas. Aperto l’ambulatorio di Via Virgilio

Il Vescovo: "E' la Chiesa che si prende cura dei malati". Indigenza e urgenza per accedere al servizio

[flagallery gid=643]

LATINA – Una squadra formata da 10 dentisti e 5 radiologi ecografisti, ai quali contano di aggiungersi presto anche altri medici, è quella che affronterà il piccolo esercito di indigenti bisognosi di cure odontoiatriche ed esami diagnostici.  Dopo la mensa e il centro di ascolto, la Caritas di Latina avvia un altro progetto sociale: dare cure a chi ne ha bisogno e non può.

La struttura, formata da quattro locali, il centro di accoglienza e l’attiguo studio di medicina generale, uno studio odontoiatrico e uno ambulatorio ecografico (vicino, ma separato), è stata inaugurata dal vescovo Mariano Crociata in Via Virgilio, in locali presi in affitto dalla Caritas che si è occupata anche di acquistare (grazie a donazioni straordinarie e alla colletta domenicale) una poltrona odontoiatrica di ultima generazione e un apparecchio eco con quattro diverse sonde per poter coprire la gamma degli esami più importanti.

E’ il segno che l’Anno  Giubilare lascia a Latina. “Le parrocchie ci riportano tante situazioni familiari e di vita difficili dal punto di vista economico, difficoltà che impediscono alle persone di soddisfare bisogni primari e dunque anche di curarsi”, ha sottolineato Crociata circondato dal prefetto Pierluigi Faloni, dal  sindaco di Latina, Damiano Coletta, dal comandante provinciale dei Carabinieri Edoardo Calvi, dalla dottoress Angela Leone dirigente delle Volanti della Polizia di Stato e dal presidente dell’Ordine dei Medici di Latina, Giovanni Maria Righetti.

ASCOLTA

“In particolare, il servizio sarà rivolto a persone e famiglie povere che altrimenti si vedrebbero precluse cure mediche di basilare importanza.  Si potrà accedere alle prestazioni mediche tramite i centri di ascolto della Caritas, come quello che si trova a Latina in piazza San Marco, dove i richiedenti sosterranno degli appositi colloqui conoscitivi della loro realtà personale. Un altro canale d’accesso, specie per gli esami ecografici, sarà quello dei medici di «medicina generale» ha spiegato il coordinatore dell’ambulatorio, il dottor Pietro Caianiello

ASCOLTA

Un ringraziamento è andato alla fondazione «Terzo Pilastro», espressione della Fondazione Roma, che ha permesso l’acquisto dei sofisticati macchinari per lo studio odontoiatrico ed ecografico.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto