le indagini

Incidente all’incrocio con Via Zi’ Maria, aperta l’inchiesta. L’ipotesi è di omicidio stradale

Servirà una perizia per stabilire con esattezza la dinamica dello scontro avvenuto domenica. Oggi anche l'esame sul corpo di Gina Turriziani Colonna

Shares

LATINA – Sarà affidato probabilmente già questa mattina l’incarico per l’esame sul corpo di Gina Turriziani Colonna, la studentessa di Medicina morta a Borgo Grappa in un incidente stradale. La Procura ha aperto un fascicolo e servirà una perizia per ricostruire con esattezza la dinamica del tragico schianto avvenuto domenica alle 13,30 all’incrocio tra Via Zì Maria e Via Segheria, dove nello stesso momento passavano la Fiat Mito su cui viaggiava la ragazza seduta accanto al fidanzato che era al volante e una Fiat 500L con quattro giovani a bordo. La coppia, che era stata al mare a Foceverde sul litorale di Latina, aveva lasciato la spiaggia per andare a pranzo a Terracina.

Nel fascicolo aperto dalla Procura della Repubblica di Latina si ipotizza l’omicidio stradale e sono stati iscritti sul registro degli indagati, in attesa degli atti necessari a chiarire quanto accaduto, entrambi i conducenti. Le cause dello scontro sarebbero  non solo la mancata  precedenza a destra da parte di una delle due auto, ma anche la velocità sostenuta. E l’unico ad aver potuto testimoniare, è il conducente della Fiat, uscito praticamente illeso. Le auto dopo lo scontro hanno carambolato incrociando le traiettorie, fermandosi proprio  davanti alla Madonnina realizzata sul pericoloso quadrivio.

Il lavoro di ricostruzione dell’incidente da parte della polizia locale non è stato semplice ed è per questo che servirà l’ausilio di un tecnico specializzato già nominato dalla Procura.

Intanto migliorano le condizioni di Danilo, il fidanzato della vittima ricoverato in Terapia Intensiva al San Camillo di Roma. Mentre la mamma, il papà e la sorella maggiore di Gina dovranno attendere l’esecuzione dell’esame sul corpo della ragazza (probabilmente nella giornata di oggi) , poi sarà loro riconsegnata la salma  per le esequie.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto