il 5 luglio

Passerà da Latina l’Agenda Rossa di Paolo Borsellino

Un evento per ricordare la sparizione del documento e le domande rimaste senza risposta

Shares

(foto Orablu)

LATINA – Passerà domani (5 LUGLIO) da Latina, virtualmente, l’agenda rossa di Paolo Borsellino sparita misteriosamente subito dopo l’attentato nel quale il magistrato antimafia è rimasto ucciso con la sua scorta il 19 luglio del ’92, e mai ritrovata. L’iniziativa è una ciclo-staffetta promossa dall’associazione OraBlu con Agende Rosse per commemorare i 25 anni dalla strage di Via D’Amelio .

“Il libro rosso sta viaggiando di regione in regione, testimoniando che c’è un’Italia che non ha dimenticato e che vuole ricordare e raccontare quel che è successo”, spiegano gli organizzatori. Il 5 luglio tre ciclisti vestiti di rosso, passeranno da Latina seguiti dal Camper dell’iniziativa, nel corso della tappa Roma-Sessa Aurunca (177 km e un dislivello di 1277 mt)  che toccherà anche Albano Laziale, Genzano di Roma, Colle Sant’Eurosia, Velletri, Cisterna di Latina, Casale delle Palme, Latina, Sant’Antonio, Salto Covino, Rio Claro, Formia, Campo Felice. A Latina (che si prepara ad intitolare i Giardini Pubblici a Falcone e Borsellino ) la sosta sarà in Piazza del Popolo, sotto il palazzo comunale, tra le 11 (orario previsto di arrivo) e le 12 (quando i ciclisti ripartiranno).

Non ci sarà Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso, che nel 2007 ha costituito Il Movimento delle Agende Rosse, nato per chiedere che sia fatta luce sulla strage di via D’Amelio. La stanchezza per la difficile prova fisica ha avuto il sopravvento e Salvatore Borsellino tornerà in sella per l’ultima tappa, nella sua Sicilia.

Dopo Roma-Sessa Aurunca, ci saranno altre 14 tappe, l’ultima a Palermo il 19 luglio, giorno del 25° della strage.

“Quel documento importante conteneva appunti, nomi e forse rivelazioni sulla strage di Capaci in cui morì Giovanni Falcone. Che fine avrà fatto? Cosa c’era scritto? Chi ce l’ha? Tutta l’Italia se l’è chiesto e se lo chiede ancora perché a queste domande non sono mai state date risposte”. A chi cerca e a chi vuole ancora quelle risposte è dedicato l’evento.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto