di e con Angela Iantosca

Le parole hanno un peso

Quindi possiamo darci una calmata

LATINA –  ASCOLTA RADIO LIBERA qui o su Radio Luna il mercoledì e in replica il sabato alle 11

Qualche giorno fa ho scritto un post su facebook che voleva essere ironico, ma che voleva anche far riflettere. Parlavo del mio vicino di casa che durante le partite di calcio dà il meglio di sé, dicendo parolacce e bestemmiando senza controllo. Oltre che per sottolineare che bestemmiare in assoluto è un atto deprecabile, l’ho scritto per ricordare che in fondo il calcio è solo un gruppo di persone che, anche non in modo pulito da vari punti di vista, corre dietro ad una palla che tenta di buttare in una rete. Quindi possiamo darci una calmata.

Qualcuno mi ha rimproverata perché era un commento superficiale… perché trascuravo il fatto che il calcio è uno sport aggregante, fondamentale per la crescita delle persone.

Giusto, lo è, lo sport lo è sempre e non volevo affermare il contrario: fa bene al fisico, fa socializzare, tiene lontano dalla strada, è un deterrente contro la violenza… ma è proprio chi lo pratica o chi si limita a fare il tifo in casa o allo stadio o a bordo campo che spesso si dimentica di questo. E lo trasforma in qualcosa di totalizzante, volgare, razzista, insopportabile. Lo fanno quelli che pur di vincere si dopano, truccano le partite, falsificano il risultato (tranquilli pensate che lo facevano anche nell’antica Grecia e ad Olimpia venivano innalzate delle statue con i soldi delle multe dei corrotti).

Lo fa chi pensa di offendere l’avversario usando una parola come “frocio” (come se fosse un’offesa una qualsiasi scelta sessuale) tirando fuori nel contesto ludico, dove l’importante è partecipare, in cui si insegna ai giovani la correttezza, la parte più retrograda che è dentro di noi, dimostrando, di fatto, che quella è la nostra natura… non ce lo dicono sin da bambini che è nel gioco che si scoprono davvero le carte del nostro carattere?

Ebbene ancora una volta in questi giorni dei tifosi hanno pensato di mostrare la loro bassezza, offendendo la nostra Storia, offendendo una bambina morta in un campo di concentramento. Forse è il caso che ci diamo tutti una calmata. È solo un gruppo di persone che tenta di lanciare una palla in una rete…

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto

CHIUDI IN BASSO A DESTRA