cercasi assessore attività produttive

Latina, si è dimessa l’assessora Giulia Caprì

"Decisione a malincuore, riservatezza per mettere a fuoco il percorso migliore"

LATINA – «Da giorni mi ero confidata con il Sindaco e avevamo scelto la strada della riservatezza per mettere a fuoco insieme il percorso migliore in merito alla mia uscita. L’ufficio dell’Ispettorato del Lavoro ha bisogno della mia presenza al 100% e a malincuore ho dovuto prendere una decisione». E’ quanto dichiara l’assessora alle attività produttive Giulia Caprì dopo la fuga di notizie sulle sue dimissioni a distanza di meno di un anno dalla nomina avvenuta in sostituzione di Felice Costanti. Per Caprì “non sarebbe stato corretto nei confronti della città rimanere in sella senza poter garantire la piena efficacia. Quando ho accettato l’incarico in Giunta l’ho fatto per il bene della collettività e la scelta di lasciare è in linea con questo principio. Anche perché continuerò a lavorare per la collettività, seppur in altro posto. Con il Sindaco ho sempre avuto un rapporto incentrato sulla massima lealtà e il massimo rispetto reciproco. E così sarà anche per il futuro. Stiamo cercando insieme la soluzione migliore per tutti mettendo sempre come priorità il bene comune. Al momento continua la mia operatività con il massimo impegno, come sempre ho fatto”.

Sulla decisione interviene anche il Sindaco Damiano Coletta : «Giulia Caprì mi ha correttamente informato delle sue oggettive difficoltà nel portare avanti contemporaneamente i suoi incarichi professionali e per questo ho apprezzato la sua lealtà. Siamo persone che hanno un lavoro e una realizzazione professionale alle spalle, che si stanno mettendo a disposizione della città per il bene delle collettività. Nel momento in cui non si riesce a garantire l’impegno massimale nello svolgere un compito così gravoso, viene a prevalere il rispetto del bene comune. Ritengo questa scelta assolutamente legittima per chiunque decida di non fare della politica una carriera professionale. Ora con Giulia valuteremo insieme la soluzione migliore».

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto