la novità

A Latina iscrizioni alla mensa scolastica anticipate di 6 mesi: apriranno il 14 gennaio

L’assessore Proietti: «Le famiglie avranno più tempo, perché nessuno rimanga escluso»

LATINA – Sei mesi in più per iscrivere i propri figli alla mensa scolastica. Apriranno martedì 14 gennaio a Latina, le iscrizioni al servizio per l’anno 2020/2021. Un impegno preso dall’assessore Proietti dopo il caso del bambino rimasto escluso dal pasto, perché la famiglia non lo aveva iscritto.  “Abbiamo mantenuto l’impegno e in questo modo le famiglie avranno molto più tempo per iscriversi riuscendo così ad accedere al servizio mensa già dal primo giorno previsto dagli istituti scolastici”, sottolinea in una nota l’assessore alla Scuola Ganmarco Proietti.

«Il sistema di informatizzazione del servizio mensa – dichiara Proietti – è stata una scelta voluta e strutturata al fine di semplificare rendendo accessibili da casa informazioni e servizi, compreso quello del pagamento con pagoPA. Accedere ai servizi è facilissimo e gli operatori della Pubblica Istruzione sono comunque a disposizione negli orari di ricevimento per aiutare e guidare. Quest’anno, poi, come annunciato nella Commissione Consiliare Cultura, Sport e Pubblica Istruzione dello scorso ottobre, abbiamo aperto la procedura per l’iscrizione al servizio mensa per l’anno scolastico 2020/2021, ben sei mesi prima rispetto all’anno scorso ».

La domanda va compilata online accedendo al portale dei servizi scolastici comunali www.apservice.it/pslatina. Tutti i dettagli sono contenuti nell’avviso pubblicato sul sito del Comune, tra le notizie “IN EVIDENZA” sulla home page e nella sezione “AVVISI E BANDI”.

«Se l’iscrizione è, come è, obbligatoria e fondamentale per un servizio sicuro e di qualità – conclude Proietti – l’impegno preso di allargare ogni possibilità perché nessuno rimanga escluso è stato mantenuto, e questo era ed è un preciso indirizzo politico affidato ai tecnici del Comune di Latina. Ora possiamo andare avanti insieme, scuola, genitori e amministrazione, per i bambini della città».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto