campagna elettorale botta e risposta

Calandrini denuncia: “Mi hanno diffamato con i manifesti contraffatti”.

Sull'esposto di Lbc: "Chi si scusa si accusa. La Questura indaghi su chi ha realizzato quei fotomontaggi"

Shares

manifLATINA – Una denuncia per diffamazione aggravata è stata presentata dal candidato sindaco di centrodestra Nicola Calandrini per i manifesti abusivi e le immagini contraffatte::”Excusatio non petita, accusatio manifesta!”, è l’assunto da cui parte la denuncia “Chi si scusa, si accusa!”. La frase – spiega –  è chiaramente attribuibile a quanti sui social e negli spazi pubblici destinati alla campagna elettorale stanno facendo di tutto per denigrare e screditare il messaggio rivolto alla città dal leader del centrodestra di Latina”. E’ la risposta alla denuncia contro ignoti presentata da Lbc “perché in alcuni degli spazi regolarmente assegnati al movimento civico sono stati affissi manifesti che non sono stati prodotti da LBC e che riportano slogan non attribuibili allo stile di Latina Bene Comune”.

Calandrini dal canto suo parla di diffamazione aggravata “nei confronti del sottoscritto e dei testimonial della mia campagna!”.

La segreteria di Nicola Calandrini, inoltre, fa notare di aver segnalato alla sede di Lbc l’affissione di manifesti contraffatti a loro riconducibili: “si è trattato – spiegano –  di un segnale di distensione e di piena disponibilità a collaborare, di fatto ignorato dalla parte opposta”-

“Insieme a Calandrini – si legge in una nota –  gli stessi testimonial, riportati nei manifesti contraffatti con scritte provocatorie e offensive, presenteranno nelle prossime ore una dettagliata denuncia alla Procura di Latina. Al Questore di Latina, inoltre, sarà richiesto ufficialmente di avviare un’indagine per risalire a coloro che hanno stampato i manifesti in questione.

manifestiE mentre il candidato sindaco di centrodestra prepara l’arrivo di Salvini e di Giorgia Meloni, in programma lunedì e martedì, presenta anche il suo consiglio e la squadra che approderà in Piazza del Popolo in caso di vittoria. “Il consiglio sarà composto anche da giovani che non hanno auto esperienza all’interno dell’amministrazione ma che ne hanno avute fuori, ci sarà poi l’esperienza di un candidato sindaco che ha conoscenza della macchina amministrativa. Anche noi siamo il nuovo”, dice Calandrini anticipando anche la sua idea di giunta: “Vice sindaco Enrico Tiero, con deleghe da stabilire, secondo gli accordi fatti a suo tempo, un tecnico all’urbanistica, gli altri assessori saranno i consiglieri eletti” spiega ai microfoni di Radio Luna.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto