la vertenza

Corden Pharma, scongiurati i 188 licenziamenti arriva la cassa integrazione per i 400 lavoratori

Firmano tutti. Lunedì incontro al Mise sugli investimenti

LATINA – Si è concluso intorno a mezzanotte il tavolo in Regione Lazio sulla Corden Pharma  con un accordo che riapre una  speranza, firmato dall’ azienda, da tutte e cinque le sigle sindacali e da tutta la RSU.

Licenziamento ritirato per 188 lavoratori della Corden Pharma, ma dal primo febbraio è prevista la  cassa integrazione per tutti i 400 dipendenti. “Un primo grande risultato è stato raggiunto: 188 posti di lavoro sono salvi – commenta l’assessore Claudio Di Berardino-. Il prossimo obiettivo è quello del rilancio dello stabilimento produttivo. Per questo, lunedì ci sarà un incontro con i Ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro e delle Politiche Sociali per ragionare con tutte le parti sociali sugli strumenti da adottare per avviare una nuova fase, capace di offrire una nuova prospettiva aziendale e continuità occupazionale ai lavoratori”.

LA UILTEC – “Un accordo importante ma sofferto, accompagnato da momenti di alta tensione durante il negoziato”, commenta Luigi Cavallo della Uiltec. Non usiamo termini enfatici, di positivo c’è sicuramente l’aver scongiurato i licenziamenti, almeno per i prossimi 12 mesi (estendibili a 24); e aver ottenuto le prime informazioni rispetto ai progetti futuri della Società”,  è il commento del sindacato. Uiltec e Uil rivendicano il ruolo di aver saputo tenere unito il tavolo sindacale, “ricucendo con pazienza gli strappi, le fughe in avanti e le intemperanze che via via si sono manifestati”. Ma è per il capitale umano l’ultima parola: “Hanno dimostrato un senso di responsabilità ed un attaccamento al lavoro impressionanti. L’azienda ne tenga conto”.

C’E’ UN MA PER IL SINDACO DI SERMONETA DAMIANO” – Bene l’accordo in Regione, ma c’è un ma per il sindaco di Sermoneta Claudio Damiano: “L’accordo sblocca una situazione che stava diventando pericolosa e proietta nel futuro l’ attività produttiva di via del Murillo. L’amministrazione comunale di Sermoneta «prende atto dell’impegno che la Regione ha messo nella risoluzione della vertenza e chiede che si faccia carico di seguire la vicenda anche nel prossimo futuro, sia per quanto riguarda gli ammortizzatori sia per il futuro produttivo del sito, coinvolgendo i Ministeri interessati»
Il Comune di Sermoneta ritiene «fondamentale che il “tavolo di crisi e per lo sviluppo” aperto presso il Consorzio Industriale Roma Latina – votato dal Consiglio comunale all’unanimità il 27 dicembre – assuma le funzioni di un organismo stabile di collegamento tra il territorio e la Regione, al fine di seguire le crisi industriali in atto e, soprattutto, promuovere quelle iniziative di reindustrializzazione e riconversione, di sostegno all’area di crisi che possano andare oltre l’emergenza ed assicurare un futuro occupazionale, produttivo e ambientalmente compatibile alla nostra Provincia. Alla Corden come agli altri siti produttivi». «Solleciteremo il Consorzio Industriale in questa direzione – conclude Damiano anche a nome del delegato alle attività produttive Antonio Di Lenola e del presidente del Consiglio Antonio Scarsella– e ci teniamo in stretto contatto con la Regione, con le Organizzazioni sindacali e la RSU della Corden».

UGL – “Oggi si è parlato molto di sindacalisti e sindacato, ma tornare a casa a quest’ora, alla fine di una trattativa estenuante di 70 giorni, per salvare i 192 licenziamenti della Corden Pharma e raggiungere un accordo sulla riduzione dei salari, tale da permettere il rilancio dell’azienda e non togliere la dignità ai lavoratori, fa la vera differenza tra chi lo fa per passione e chi per lucrare sulla pelle dei poveri. Distrutti ma orgogliosi di aver tenuto testa a persone che fanno della trattativa il loro stile di vita”, scrive su Fb Ivan Vento della Ugl.
ASCOLTA VENTO

FORTE – “E’ una una buona notizia che però non deve accontentare nessuno degli attori coinvolti nell’accordo: si tratta di un primo passo verso un piano di rilancio per un’azienda che dovrà continuare ad operare nella provincia di Latina, scommettendo sul futuro dell’impianto e delle maestranze. Per il rilancio ora servono uno sforzo corale ed un progetto innovativo improntato alla sostenibilità sia economica sia ambientale. Mi impegnerò a stimolare la Regione Lazio in tal senso per trasformare questo momento di crisi in una opportunità”, dice il consigliere regionale del PD Enrico Forte.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto