12 febbraio

Shoah, Foibe e non solo: anche a Latina l’evento Com’è profondo il Mare

Nella sala Enzo De Pasquale l'evento in cui verrà raccontato il Viaggio ad Auschwitz degli studenti del capoluogo

LATINA – “In questi giorni dedicati alla memoria e al ricordo di terribili tragedie dell’umanità, proprio come la Shoah e le Foibe, l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Latina ha voluto lanciare un segnale forte, con un’iniziativa rivolta alle scuole di ogni ordine e grado e ribattezzata “Come è profondo il mare”. Lo annuncia l’assessore Gianmarco Proietti che ha voluto far propria l’iniziativa pensata da alcuni docenti del Liceo Amaldi di Tor Bella Monaca di Roma, invitando i dirigenti scolastici e i coordinatori delle attività educative delle scuole della città a fermare la normale attività didattica nelle prime due ore di un giorno da scegliere nel periodo che andava dal 30 gennaio al 9 febbraio.

La data è stata scelta,  è domani  martedì 12 febbraio alle 11.30 nella sala “Enzo De Pasquale” con l’evento intitolato “Come è profondo il mare. Il futuro della memoria” in cui verrà raccontato il Viaggio della Memoria (che si è svolto tra sabato 26 e mercoledì 30 gennaio ad Auschwitz) attraverso le parole degli studenti di Latina che hanno partecipato.Verrà inoltre mostrata una prima parte dei materiali didattici prodotti dalle scuole che hanno aderito all’iniziativa promossa dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione.

«In queste due ore abbiamo chiesto di organizzare, nei modi che ogni istituto e ogni docente ha ritenuto opportuno, una riflessione congiunta sul tema della dignità della vita come valore indiscutibile. In questi mesi – prosegue l’assessore – stiamo purtroppo assistendo inermi e in molti casi indifferenti ad un dramma di cui dovremmo tutti rendere conto alle future generazioni. Il tasso di mortalità lungo la rotta del Mediterraneo centrale non è mai stato così alto: nel settembre del 2018, il 20% di chi è partito dalla Libia risulta morto o disperso. Secondo il report aggiornato dell’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale), dall’inizio del 2018 al 28 novembre scorso, un totale di 107.583 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare e 2.133 sono morti nelle acque del Mediterraneo».

Interverranno il sindaco Damiano Coletta e gli assessori Cristina Leggio e Gianmarco Proietti.

«Siamo convinti  – conclude Proietti – che la scuola e la formazione siano i mezzi più pervasivi per la costruzione di un futuro in cui la dignità umana sia garantita, abbiamo chiesto una riflessione che cerchi di rompere l’indifferenza e la rassegnazione. La scuola è anche e soprattutto questo».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto