34° edizione

Tennis, cresce il livello agli Internazionali Femminili di Sezze

Nel doppio esordisce la 16 enne setina benedetta Luccone

SEZZE – Entra nel vivo la 34esima edizione degli Internazionali Femminili di Tennis in corso di svolgimento a Sezze. Sulla terra rossa dei tre campi il livello si è alzato e sono state diverse le teste di serie chiamate subito a dare risposte in mezzo al campo. Tra queste è stato decisamente positivo l’esordio di Deborah Chiesa, 23enne testa di serie numero 2 del torneo e in passato 143 del ranking Wta: tre ore di gioco contro l’austriaca Melanie Klaffner, che ha ceduto nel primo set (6/2), mentre nel secondo si è imposta 7/6(4) e nel terzo ha tenuto botta fino al break del settimo gioco, con l’italiana ad imporsi 6/3.

Altrettanto equilibrato l’altro incontro di giornata valido per i sedicesimi del torneo di singolare, quello che ha visto opposte la 24enne Camilla Rosatello e la 25enne Marine Partaud, con la transalpina ad imporsi nel primo set (4/6) ma poi a dover subire il ritorno prepotente della wild card, che si è aggiudicata i successivi due con il punteggio di 6/4 6/3 dopo quasi 2 ore e mezzo di scambi intensi.

IL DOPPIO – Il martedì di partite, oltre che all’esordio delle ragazze inserite nel tabellone principale del torneo, è stato caratterizzato anche dall’inizio ufficiale del torneo di doppio. Ad aprire le danze è stata la sfida tra la coppia formata da Benedetta Luccone (setina doc, 16 anni appena) e Rosanna De Angelis (addirittura un anno più giovane della compagna di doppio), che hanno pagato un po’ lo scotto dei riflettori puntati cadendo sotto i colpi dell’esperta coppia formata da Pieri e Bronzetti, che in soli 46 minuti hanno avuto la meglio imponendosi con un perentorio 6/1 6/0.

Decisamente più equilibrata la sfida che a seguire ha visto impegnate la coppia formata da Angelica Moratelli e Maria Marfutina (regina nel singolare nelle edizioni 2016 e 2017), che è riuscita ad avere la meglio sul duo svizzero-italiano formato da Sabino e Spiteri al termine di 105’ minuti ad altissimo livello con il punteggio di 4/6 6/3 10/8 al match tie-break. Tutto facile, invece, per la coppia svizzero-romena formata da Kennel e Simion, che è riuscita ad avere la meglio senza patemi sulle due italiane Carbonaro ed Enola Chiesa, mentre hanno passato il turno anche Raggi e Zantedeschi, che si sono imposte su Lombardo e Olynykova.

La mattinata di ieri, infine, era stata dedicata all’ultimo turno di qualificazioni utili ad accedere al main draw del singolare. 6 le partite disputate, con il passaggio al tabellone principale di Aurora Zantedeschi (6/3 4/6 10/3 alla croata Olynykova), della Gambogi (6/0 6/1 alla Pinto), della Rocchetti (6/4 6/2 alla Sacco), della Spigarelli (6/1 6/1 alla Fossa Huergo), della Dentoni (6/2 6/0 ad Enola Chiesa) e della Lombardo, che ha vinto la maratona contro la Raggi imponendosi 6/4 6/6 11/9 anche in questo caso al tie-break lungo. Domani altra giornata piena di incontri, con l’esordio della testa di serie numero uno del torneo, la britannica Francesca Jones.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto