Moda

Tendenze, la primavera riporta colori pastello e tonalità sgargianti

La nuova stagione si avvicina

Shares

Il finire della stagione invernale porta con sé la necessità di riporre nel cassetto le maglie di lana e gli indumenti che ci hanno riparato dal gelo dei mesi freddi. Addio – o più semplicemente arrivederci – a cappotti e sciarpe, certo, ma anche ai colori un po’ più sobri che tradizionalmente si sposano alla perfezione con la moda autunno-inverno. L’arrivo della primavera dà invece il la alla ormai solita esplosione di colori: un trend abbastanza classico, che si conferma anche nel 2019. E che ovviamente viene rivisitato in mille forme e trame dai professionisti del fashion.

Anche nella prossima stagione resterà quella dei colori pastello la strada maggiormente battuta dai principali stilisti, sia per quanto riguarda la moda uomo che quella donna. Una tendenza evidente anche nella settimana della moda milanese. Con diverse firme che, nel corso della fashion week meneghina, hanno puntato sulle magliette personalizzate osando nella scelta di colori e stili.

A seguire chiaramente questa linea è stato ad esempio Versace, che ha deciso di dedicare una collezione ispirata alle opere del mitico Andy Warhol, esaltando la massima espressione di pop art anche attraverso magliette e abiti che rimandano ad alcune celebri copertine della rivista Vogue. Dal canto suo, Giorgio Armani ha invece puntato forte su materiali fluidi e colori riflettenti.

Per la donna che vuole essere alla moda senza rinunciare a quella necessaria nota di estrosità, è sempre più in voga la tendenza animalier. Ecco perché nella primavera-estate del 2019 saranno assoluti protagonisti i tessuti leopardati, zebrati o comunque in qualche modo collegati al variopinto mondo animale.

In realtà non mancano neppure delle eccezioni, perché un’altra delle tendenze per la bella stagione sarà quella di indossare semplici t-shirt bianche, magari oversize o decorate con giochi di asimmetrie. Una soluzione certamente sobria e garbata, che consente mille abbinamenti differenti. Per chi vuole andare sul sicuro senza rischiare di accoppiare male le tonalità.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto