pallavolo

Savani, il capitano di Londra 2012 giocherà a Latina

Candido Grande: "Stiamo facendo il massimo". Ore di attesa per un libero d'eccezione

LATINA – Savani is back! La top Volley Latina festeggia il ritorno in Italia di capitan Cristian. Lo schiacciatore che ha scritto pagine importanti della storia pallavolistica tricolore e ha guidato la Nazionale Azzurra a Londra 2012, giocherà la prossima stagione proprio con la squadra di Latina.

“Dopo alcuni anni spesi tra Cina, Turchia e Qatar il capitano della Nazionale italiana alle Olimpiadi di Londra torna in Superlega”,  fanno sapere dalla società sportiva pontina che sta lavorando all’allestimento di una delle migliori squadre degli ultimi anni.Anche il direttore sportivo Candido Grande non vede l’ora di vedere questa nuova Top Volley sul campo. “Sicuramente stiamo lavorando per completare una squadra che mi auguro possa emozionare e far divertire. L’arrivo di Savani per noi è importante, è motivo di orgoglio, si tratta di un giocatore che può dare molto in termini di tecnica, di qualità e di esperienza: sono certo che potremmo toglierci qualche soddisfazione ma dovrà essere il campo a parlare”. E archiviato Savani, la Top Latina si prepara ad accogliere un libero d’eccezione. ASCOLTA CANDIDO GRANDE

“Siamo felici di poter annunciare un giocatore  italiano che, oltre ad aver vinto molto, può ancora dare moltissimo e diventare un elemento decisivo per la nostra squadra”, dice Gigi Goldner, storico dirigente del sodalizio pontino.

Dunque, riepilogando, la corte di Vincenzo Di Pinto si è popolata con alcune importanti conferme e sostanziose novità: Gabriele Maruotti e Andrea Rossi, Yuki Ishikawa e Carmelo Gitto, Saha Starovic e Nicolas Le Goff. E ora Savani.

“Sono pronto a tornare in Italia e giocare per Latina nel campionato italiano e sono certo che sarà una bella avventura – spiega Cristian Savani, in questo momento a Sirmione, diviso tra la famiglia e la palestra dove sta svolgendo un programma di allenamento –  Perché Latina? In primis devo dire che la società mi ha cercato e voluto con forza e determinazione. Poi conosco l’allenatore Vincenzo Di Pinto, con il quale ho avuto l’opportunità di lavorare per due anni stupendi a Perugia, con lui mi sono trovato benissimo”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto