il bilancio

Festa di Sant’Anna, 35mila per il concerto di Noemi

Bene anche gli altri appuntamenti. Coco: "Soddisfatti pienamente"

PONTINIA – E’ andata in archivio a Pontinia la Festa Patronale proposta quest’anno dal 24 al 28 luglio con un programma di cinque serate compromesso dal maltempo nella sola data conclusiva. Era il secondo anno della nuova formula proposta dall’Associazione Sant’Anna 2.0 e anche quest’anno i numeri hanno dato ragione agli organizzatori: il concerto di Noemi il 26 luglio, evento clue della manifestazione, ha richiamato nel centro cittadino 35 mila persone. Grande affluenza e piazza gremita anche nella serata d’apertura, dedicata allo spettacolo di danza delle scuole locali “Prisma” e “Creale”, e soprattutto nella data successiva, con le applauditissime “Fontane danzanti”, novità assoluta per Pontinia. La vera sorpresa è stata il 27 luglio, con almeno seimila persone davanti al palco per cantare insieme agli applauditissimi “ReQueen”, tribute band di Freddy Mercury e soci. Una festa partecipata che ha avuto il sostegno costante dell’Amministrazione Comunale e ha potuto svolgersi in sicurezza grazie al piano messo in atto dalla Questura di Latina.

Il presidente Ubaldo Coco ha commentato così il successo di Sant’Anna: “Siamo assolutamente soddisfatti, prima di tutto per la città, che si conferma tra le più attive della provincia sul fronte degli eventi, e poi per i suoi operatori e commercianti, visto che nei giorni della festa hanno lavorato tutti. Le nostre scelte si sono rivelate azzeccate, anche in merito agli artisti e agli spettacoli proposti nelle altre serate. Tengo a precisare che tutti hanno ricevuto i loro compensi e che tutte le spese sono state coperte, come è abitudine della nostra associazione. Mi auguro che i nostri concittadini abbiano apprezzato gli sforzi e l’impegno di tutti noi, al di là di qualche immotivata polemica innescata sui social. Risultati di tutto riguardo, in effetti, erano già emersi con le altre nostre svariate iniziative, dalla Notte Bianca al Carnevale. Crediamo che per evitare malintesi e per definire a dovere determinate competenze sia necessario un immediato confronto con l’Amministrazione ma ci conforta che in Comune abbiano subito condiviso questa nostra esigenza di fare chiarezza: entro i prossimi giorni, infatti, incontreremo sindaco, vicesindaco e amministratori per precisare alcuni passaggi, indispensabili per avviare un programma biennale sul quale siamo già pronti a lavorare. Il confronto e il dialogo, del resto, sono un’assoluta priorità per Sant’Anna 2.0: questa associazione è aperta a tutti, lo ribadisco, al di là delle chiacchiere di qualcuno”.

Bene anche  la vendita dei biglietti della lotteria e i contributi degli sponsor che hanno permesso di raccogliere quasi 70mila euro. Una cifra considerevole, indispensabile per coprire un costo complessivo della kermesse aggiratosi intorno ai 115mila euro.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto