13 ottobre

Il direttore generale della Asl di Latina Giorgio Casati è “Donna ad Honorem” e si commuove

Nella giornata del Tumore al seno metastatico Europa Donna premia il manager

LATINA – Il direttore generale della Asl di Latina, Giorgio Casati è Donna ad Honorem, il riconoscimento più importante per Europa Donna il Movimento fondato da Umberto Veronesi nel 1994 a Milano per la Prevenzione e la Cura del tumore al seno e presente in 47 paesi europei. Il manager lo ha ricevuto visibilmente commosso dalle mani della Consigliera di Europa Donna Italia, Loredana Pau che ha scelto Latina (tra 60 eventi italiani) per lanciare la Giornata dedicata al tumore al seno metastatico e lo ha fatto davanti alle forze rosa disponibili e impegnate sul territorio: “Vogliamo fare del  13 ottobre la giornata nazionale per la tutela delle donne che devono convivere con questa patologia, avere un giorno ufficiale, riconosciuto, in cui ci si concentra su questo, ma perché se ne possa poi parlare tutto l’anno. Noi – ha aggiunto la Pau- con le nostre iniziative abbiamo contribuito a far uscire uscire dal limbo del silenzio le donne che ne soffrono, perché è ancora difficile dire che si ha il tumore al seno, figuriamoci se metastatico”.   La promessa è arrivata ufficialmente da vari esponenti parlamentari e di Governo e nei prossimi mesi la data dovrebbe essere stabilita con legge.

PERCORSI PER LE DONNE – Casati risponde con un intervento nel quale sottolinea la capacità delle donne di “vedere e sentire di più, la tenacia, di perseguire obiettivi e di fare squadra” che gli uomini non hanno e poi annuncia che la scommessa che si sta cercando di fare nella Asl di Latina è sviluppare la medicina di genere, focalizzare un’attenzione diversa non solo in ospedale ma anche sul territorio, costruendo percorsi clinico assistenziali organizzati e cercando di fare il salto di qualità perché si possa non solo avere i percorsi, ma lavorare per percorsi. “Il passo successivo potrà essere quello di differenziarli mettendo il nastro rosa laddove è necessario. La donna e l’azienda  – assicura –  è un tema che permea ogni angolo dell’organizzazione.  Il nostro sistema di cura è orientato agli uomini noi dobbiamo fare in modo che si orienti di più anche verso la natura femminile e ne tenga conto”. Poi, rivolto ad Europa Donna: “Consideratici campo di sperimentazione”.

Una giornata importante per Latina quella promossa dall’Avo, l’associazione volontari dell’ospedale  che si è svolta la Museo Cambellotti, intermezzata dalle note del violino di Luka Hoti, con tanti contributi illuminanti, come quello di Paola Miceli, delegata Europa Donna della Regione Lazio; di Marcella Schembari, Case Manager della Breast Unit; e di Antonella Fontana vicedirettore della radioterapia della ASL di Latina.
Sono intervenuti sul tema anche Carlo De Masi responsabile della radiologia senologica della ASL di Latina; Luigi Rossi dirigente dell’oncologia universitaria della Sapienza;Antonella a Calogero direttore del dipartimento di scienze e biotecnologie della Sapienza e  Fabio Ricci direttore clinico della Breast Unit di Latina. In chiusura ha parlato la signora Giuseppina Cadoni presidente dell’Avo. L’Avo ha consegnato in apertura di giornata una targa al direttore sanitario dell’Ospedale Goretti di Latina Sergio Parrocchia a testimonianza della forte collaborazione instaurata con i volontari.

Ha presentato l’evento Antonio  Di Civita.

In Italia aderiscono al Movimento 152 Associazioni locali divise per Regione. Nella Regione Lazio aderiscono ad Europa Donna 12 Associazioni. 3 della provincia di Latina. La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ( LILT) , Avo ( Associazioni Volontari Ospedalieri), CIF ( centro Italiano Femminile) di Aprilia. Se ne parlerà nella sala conferenze del Museo Duilio Cambellotti in piazza San Marco, domenica a partire dalle 10, anche  alla presenza della delegata di Europa Donna della Regione Lazio Paola Miceli e di Loredana Pau, consigliera di Europa Donna Italia. Aprirà gli interventi il direttore generale della Asl di Latina Giorgio Casati su “Azienda Sanitaria e le donne”. L’evento e’ organizzato dall’Avo di Latina.

“Prima la diagnosi era infausta  – spiega il senologo Fabio Ricci direttore della Breast Unit di Latina – oggi siamo in grado di cronicizzare la malattia”.

Europa Donna è un Movimento fondato da Umberto Veronesi nel 1994 a Milano per la Prevenzione e la Cura del tumore al seno. È presente in 47 paesi europei. In Italia aderiscono al Movimento 152 Associazioni locali divise per Regione. Nella Regione Lazio aderiscono ad Europa Donna 12 Associazioni. 3 della provincia di Latina. La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ( LILT) , Avo ( Associazioni Volontari Ospedalieri), CIF ( centro Italiano Femminile) di Aprilia.

1 Commento

1 Commento

  1. Pierluigi Manetti

    Pierluigi Manetti

    13 Ottobre 2019 alle 17:16

    Ma è responsabile anche del ospadele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto