l'iniziativa

Pranzo cinese per sindaco di Latina e giunta con il dg della Asl Casati e l’infettivologa Lichtner

Il gruppo ha voluto esprimere solidarietà alla comunità cinese: "Non c'è nulla da temere"

LATINA – “Non c’è nulla da temere, evitare contatti con una intera comunità per paura del #coronavirus è frutto di uno sciocco pregiudizio”. In un tweet il sindaco di Latina Damiano Coletta commenta l’iniziativa realizzata oggi con la giunta, il  manager della  ASL di Latina, Giorgio Casati, il direttore sanitario aziendale Giuseppe Visconti e la dirigente di Malattie Infettive dell’ospedale Goretti, Miriam Lichtner. Il gruppo ha deciso di andare in un ristorante cinese del capoluogo per dimostrare solidarietà e fiducia, e trasmetterla ai cittadini. Le attività di ristorazione infatti sono allo stremo perché nessuno si fida più.

In una lettera di benvenuto i ristoratori ringraziano gli ospiti e spiegano che la loro città natale dista 1000 chilometri da Whuan e che sono molti anni che non tornano più in Cina, che vivono a Latina da 30 anni e due dei loro figli sono nati qui  e hanno studiato a Latina dall’asilo al Liceo. “Cuciniamo prodotti locali ai quali diamo un tocco cinese eppure nessuno viene più a mangiare da noi”.

5 Commenti

5 Commenti

  1. Stefano Pasotto

    Stefano Pasotto

    13 Febbraio 2020 alle 18:59

    Ma dove stavano che pure io oggi ci sono stato. Alla grande muraglia io. E loro?

  2. Sergio Sacchetti

    Sergio Sacchetti

    13 Febbraio 2020 alle 19:29

    Povera ITAGLIAAAAA

  3. Antonio Paponetti

    Antonio Paponetti

    14 Febbraio 2020 alle 5:51

    Ma la giunta dove sta? A malapena c’è solo il sindaco. Tutta sta gente io non la vedo

  4. Oliver Conte

    14 Febbraio 2020 alle 7:07

    Ci sono andato spesso a mangiare in quel ristorante con la famiglia. Il cibo è ottimo ed i prezzi sono ragionevoli, in più il servizio è inappuntabile.

  5. Massimo Di Viccaro

    Massimo Di Viccaro

    14 Febbraio 2020 alle 12:56

    Ogni occasione è buona per farsi pubblcità vedo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto