lutto in comune

A Itri l’addio a Giuseppe Manzi. L’assessore Proietti: “Il Consiglio di venerdì sarà per lui”

Alle 16,30 l'addio nella città di nascita con il sindaco Coletta e i dipendenti comunali che lo stimavano

Shares

LATINA – Saranno celebrate questo pomeriggio alle 16,30 a Itri dove viveva con la moglie e i due bambini, le esequie di Giuseppe Manzi, il dirigente del servizio Finanziario e Partecipate del Comune di Latina scomparso improvvisamente ieri all’età di 51 anni mentre percorreva Viale Italia diretto al palazzo Pegasol dove si trova il suo ufficio. Questa mattina tantissimi dipendenti comunali lo hanno salutato alla camera ardente allestita presso l’ospedale di Latina dove ieri il sindaco Damiano Coletta con l’assessore al Bilancio Gianmarco Proietti hanno atteso l’arrivo della moglie e dei genitori.

Il Consiglio comunale di Latina in segno di lutto ha oggi  votato all’unanimità dei presenti il rinvio della seduta. “Sapeva unire la competenza, la riservatezza e la gentilezza. I suoi, consigli sempre dati a bassa voce sono stati preziosi – ha detto visibilmente commosso il sindaco Damiano Coletta in apertura della seduta –  Giuseppe ha sempre agito nell’interesse del bene comune. Latina perde una persona perbene, un valido dirigente e un leader silenzioso che sapeva esercitare la sua leadership senza bisogno di strillare”. Coletta ha anche sottolineato la necessità di implementare ulteriormente il circuito “Latina città cardioprotetta”, incentivando nella popolazione la conoscenza e l’uso dei defibrillatori. I suoi figli devono essere orgogliosi di avere avuto un papà così. Possa riposare in pace”, ha concluso Coletta.     

IL SEGNALE – Da quanto si apprende Manzi durante il lockdown aveva avuto un episodio riconducibile alla tragedia di ieri. Un dolore che lo aveva costretto a recarsi in ospedale. Era passato però,  e si era pensato ad altro, era giovane e in forma, sembrava in salute. Manzi aveva anche ripreso il suo lavoro in presenza in ufficio e in questi giorni era impegnatissimo: “Sabato e domenica ci riposiamo e ci vediamo alle 10 di lunedì per fare il punto, sono state le ultime parole che gli ho detto venerdì invitandolo a prendersi una meritata pausa nel fine settimana – ha raccontato l’assessore Proietti  – Ancora non mi sembra possibile che sia accaduto. Siamo tutti affranti”.

DELEGAZIONE A ITRI – Oggi pomeriggio una delegazione composta dal primo cittadino e dallo stesso Proietti con tutti i dipendenti del settore e le persone che in questi anni avevano avuto modo di legarsi anche umanamente a Manzi, ricordato da tutti come una persona seria, competente e gentile, partiranno per Itri per partecipare alle esequie. Per lui tre anni fa c’era stata una vera mobilitazione.

IL RENDICONTO – Venerdì prossimo, in occasione del Rendiconto di Bilancio documento che è l’ultimo atto compiuto da Manzi sul lavoro, la relazione sarà tutta per il compianto dirigente: “Sarà un rendiconto nel senso più vero del termine, per raccontare il lavoro svolto e anche l’uomo che è stato – aggiunge Proietti  – Per questo, anche se il consiglio sarà in videoconferenza, chiederò di poter tenere la mia relazione dall’aula. Giuseppe Manzi merita un saluto istituzionale”.

IL POST – “Hai reso semplice ogni problema complesso affrontandolo con un sorriso timido, ma coinvolgente. Hai saputo dare certezze usando sempre poche parole, i tuoi silenzi erano loquaci, i tuoi dubbi solo pause prima delle certezze.Tutto ciò che ho scelto, detto, annunciato aveva una rete sicura, da te tessuta con cura, precisione, metodo, solo per amore del tuo lavoro nel quale sapevi vedere il servizio ad ogni cittadino. Non ti scorderò mai e ti sarò per sempre riconoscente, come ti dovrà essere riconoscente questa nostra città intera a cui hai dato la vita. Ciao Giuseppe”, sono state le parole di Proietti in un post su Fb.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto