La sentenza del Tribunale di Roma

Spese pazze in Regione Lazio, assolto Moscardelli e altri 12: “Il fatto non sussiste”

Zingaretti: "Sono felice".

LATINA – Il segretario provinciale del Pd Claudio Moscardelli è stato assolto nell’inchiesta “spese pazze” che lo aveva visto coinvolto come consigliere regionale del Lazio  insieme con altri 12 colleghi del gruppo Pd. Il processo riguardava l’utilizzo dei  fondi a loro destinati tra il 2010 e il 2013.

“Il fatto non sussiste” è stata la sentenza della presidente del collegio dell’VIII sezione del Tribunale di Roma, Paola Roja.

“Sono felice per l’assoluzione dei consiglieri regionali del Pd. La giustizia, dopo aver fatto il suo corso, ha fatto luce su questa vicenda giudiziaria. A tutti loro un abbraccio”, ha dichiarato in una nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Tra gli imputati con Moscardelli, il senatore e segretario del Pd Lazio, Bruno Astorre, il vicesegretario del Pd Lazio, Enzo Foschi, il deputato del Pd, Claudio Mancini, l’allora tesoriere del gruppo del Pd alla Pisana, Mario Perilli,  e gli ex consiglieri regionali Giuseppe Parroncini, Carlo Umberto Punzo, Tonino D’Annibale, Marco Di Stefano, Carlo Lucherini, Francesco Scalia e Daniela Valentini.

Per Moscardelli il pm aveva chiesto l’assoluzione per intervenuta prescrizione del reato.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto