20 E 21 novembre

Latina, alla casa del Combattente la mostra su Abdu’l-Bahá, uomo di pace

Fotografie, discorsi e aforismi per parlare di pace, giustizia, diritti umani, educazione

LATINA – Sabato 20 e domenica 21 novembre le porte della storica sala della Casa del Combattente, a Latina, si apriranno per parlare di “Abdu’l-Bahá, uomo di pace”. L’APS “Gianni Ballerio” propone, attraverso fotografie, discorsi e aforismi la visione di un uomo che ha speso l’intera vita al servizio della pace.

CHI ERA – Esule per la quasi totalità della sua vita, persiano di origine, trascorre la sua vita tra Baghdád, Costantinopoli, Adrianopoli ed infine Akka in Israele. Una volta liberato dalla prigionia, tra il 1893 e il 1913, ‘Abdu’l-Bahá, al secolo Abbas Effendi, intraprende una serie di viaggi in occidente per parlare di pace, giustizia, diritti umani, educazione. Parigi, Londra, gli Stati Uniti d’America da costa a costa, accolgono con interesse e curiosità l’uomo vestito da orientale e dalla fluente barba bianca che enuncia principi che mettono al centro il benessere spirituale dell’umanità. Le cattedrali, i circoli culturali, le università, le sinagoghe e persino le case private faranno a gara per ospitarlo ed ascoltare i suoi discorsi sull’abolizione del pregiudizio razziale, la pace, la giustizia, l’unità del genere dell’umano. Migliaia di uomini e donne, di varie etnie ed estrazioni religiose, dotti ed analfabeti, nobili e proletari, percorrono lunghe distanze, talvolta con improbabili mezzi di trasporto, per incontrarlo. Discorsi rivoluzionari per la mentalità dell’epoca ma quanto mai attuali per i tempi che stiamo vivendo ed una figura tutta da scoprire, che appassiona, incuriosisce ma soprattutto fa riflettere.

Gli orari di apertura della mostra: sabato 20: dalle 17.00 alle 20.30; Domenica 21: mattina dalle 10.00 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 17.00 alle 20.30

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto