Be JAZZ Collective presenta: Cielo Reves | Luna Notizie - Notizie di Latina
Jazz

Be JAZZ Collective presenta: Cielo Reves

Domenica 18 alle ore 18:00 in via Lago Ascianghi

Shares

Cielo Reves nasce con l’intento di far incontrare generi diversi ma sempre meno eterogenei tra loro: Jazz, Canzone d’autore, Blues, Tango Nuevo, Rock.
Denominatore comune è il carattere improvvisativo peculiare di
tutte queste musiche.
Per tentare di definire alcune delle proposte in concerto, (e alcuni brani sono già disponibili su Spotify o ITunes) ci vengono appunto in aiuto le etichette elaborate automaticamente dai logaritmi di condivisione dei suddetti social: “World Jazz”, recita uno di questi ….ma sono solo fredde definizioni….

I componenti del gruppo, provenienti dalle più disparate esperienze musicali sono invece più inclini a liberarsi da etichette per cercarsi un idea, un istante di stupore dove l’improvvisazione, la ricerca timbrica e la memoria emotiva fungano da unico orientamento.
Tanto per rimanere in tema di accostamenti scellerati: Ornette Coleman nel 1959 intitolò un disco “ The Shape of Jazz to Come”. Ora il melting pot sonoro dei Cielo Reves è molto diverso da quello del grande sassofonista e compositore ma l’intento creativo ha dei punti in comune, così come li ha con il contrabbassista Charlie Haden, il cui percorso musicale più volte si contaminò con il Tango o la musica popolare.

“Cielo a Reves” è un espressione che appare nelle parole del famoso “Vuelvo al sur” di Astor Piazzolla e che ben condensa l’ approccio poetico del gruppo: tra le sponde del Tango e del Blues, del Rock e del Jazz scorreranno le andature e i suoni di quella che viene chiamata altresì dai critici “ musica di confine”.

Tanto per citare qualche esimio musicista di riferimento, a parte il già citato Charlie Haden, Joni Mitchell, Bill Frisell, Dave Holland, Pink Floyd, Elliot Smith, Lhasa de Sela….

È giusto infine concludere la presentazione del gruppo riflettendo sulla presenza fondamentale della voce che permette alla “parola poetica “ di incontrare il genere canzone.
In questa chiave il gruppo propone brani preziosi di grandi autori e poeti fino ad accostamenti audaci come quello tra “IF” dei Pink Floyd e la melodia tradizionale partenopea.

Etta Lomasto voce
Giovanni Giugliano contrabbasso
Alessandro Girotto chitarra, live electronics
Lucrezio de Seta batteria

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto