di e con Angela Iantosca

I ragazzi ci sono

La lotta alla mafia ora è loro

LATINA – I ragazzi ci sono. Come sempre da qualche anno nella giornata del 21 marzo. E non sono parole retoriche.

Ci sono da soli. Hanno deciso e sono scesi in piazza perché hanno sentito di farlo. Non hanno avuto bisogno di una bandiera in cui identificarsi. Nè di una forza politica. Sono scesi perché è giusto così.

Hanno preparato striscioni in questi giorni e poi hanno preso un carrello da un supermercato per portare l’amplificatore e urlare quei 950 nomi. Nomi che appartengono a tutti.

Quest’anno non hanno un palco i ragazzi. Ma non c’è bisogno di un palco per parlare, farsi sentire, far capire che si può sentire che la mafia fa schifo anche se non la si è vissuta sulla propria pelle. C’è bisogno solo di voce e convinzione.

Sono emozionati i ragazzi oggi. Tesi. Silenziosi e attenti. Agitati come sanno esserlo i giovani alla loro età che sentono di fare qualcosa di unico e di cominciare con oggi un cammino di consapevolezza che cambierà le loro vite

2 Commenti

2 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    21 Marzo 2018 alle 11:15

    Per amore del mio popolo♥

  2. Emanuele Astearoma

    Emanuele Astearoma

    21 Marzo 2018 alle 15:49

    Quando si tratta di saltare le lezioni ci sono sempre…. Quanti sarebbero stati se la manifestazione fosse stata fatta il pomeriggio ??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto