elevati i valori degli inquinanti

Incendio alla Loas, vigili del fuoco ancora impegnati nel sito. Resta in vigore l’ordinanza del sindaco Terra

Il punto in una riunione in Prefettura

Shares

LATINA – Le squadre provinciali dei Vigili del Fuoco sono ancora impegnate nelle operazioni di spegnimento e smassamento dei materiali presenti nel sito della Loas Italia, l’azienda di trattamento rifiuti andata a fuoco domenica sera. I lavori dovrebbero concludersi entro questa settimana.

Il punto è stato fatto questa mattina in Prefettura in una riunione convocata dal prefetto Maurizio Falco alla quale hanno preso parte tutti gli enti interessati, il presidente della provincia Carlo Medici, il sindaco di Aprilia Antonio Terra, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri Gabriele Vitagliano che conduce le indagini sul rogo, il vice comandante dei vigili del fuoco e i rappresentanti della ASL e dell’Arpa Lazio.

Sono intanto state completate anche le analisi sul terzo campione prelevato dall’Arpa lazio nei pressi del sito:”I valori sono inferiori a campioni precedenti, ma ancora sopra standard di riferimento. Il campionamento è ancora in corso”, comunica l’Agenzia Regionale per l’Ambiente. Le diossine sono a 48, 2,4 il benzo(a)pirene e PCB resta a 499.

“Alla luce dei campionamenti effettuati da Arpa Lazio, i valori delle sostanze inquinanti presenti nell’aria vanno decrescendo ma al momento resta in vigore l’ordinanza urgente con la quale il sindaco di Aprilia ha disposto una serie di misure precauzionali di carattere igienico-sanitario”, si legge in una nota. resta vietato dunque raccogliere o coltivare  frutta e verdura nel raggio di 2 km dal sito, è sconsigliato uscire di casa per chi abita nella zona e ove possibile è stato raccomandato di lasciare le abitazioni.

“Nei prossimi giorni, all’esito dell’ulteriore attività di monitoraggio svolta dalla ASL dall’acqua sarà valutata da parte degli organi tecnici  – scrive in una nota la prefettura  – un eventuale modifica all’ordinanza sindacale”

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto