la scelta

Il vescovo Crociata nomina Alessandro Mirabello direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale Sociale

43 anni di Pontinia è direttore presso l'Agenzia delle Entrate di Latina

Shares

LATINA – Alessandro Mirabello è il nuovo direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale Sociale. Di Pontinia, 43 anni d’età, dal 2014 componente del Consiglio Pastorale diocesano (organismo nel quale dal 2014 al 2019 ha ricoperto l’incarico di Segretario) è stato nominato dal vescovo Mariano Crociata.

«Lo ringraziamo per la disponibilità e gli auguriamo buon lavoro accompagnandolo con la nostra preghiera», ha scritto monsignor Crociata nella sua comunicazione, ricordando anche che «l’occasione è propizia per esprimere profonda gratitudine a don Massimo Castagna, che ha svolto lo stesso servizio nell’Ufficio ormai da diversi anni. Anche lui vogliamo ricordare nella preghiera, perché sia sostenuto nel nuovo servizio assunto».

CHI E’ – Mirabello, laureato in Economia presso la Sapienza ha perfezionato lo studio frequentando un master sullo Sviluppo Locale. Successivamente è stato assunto come funzionario presso l’Agenzia delle Entrate, dove attualmente ricopre l’incarico di Direttore dell’Ufficio Territoriale di Latina (Atti pubblici-Successioni e rimborsi Iva). È coautore del libro “La riscossione dei tributi”, edito dalla Euroconference Spa nel febbraio del 2010.

Nel mondo ecclesiale, dal 1997 è Educatore parrocchiale nella parrocchia di Sant’Anna in Pontinia, dal 2001 al 2007 responsabile parrocchiale Azione Cattolica–Giovani; dal 2007 al 2013 è stato presidente dell’Azione Cattolica parrocchiale. Dal 2000 è componente del Consiglio Pastorale Parrocchiale. Dal 2008 al 2011 è stato consigliere diocesano Adulti di Azione Cattolica. Dal 2011 al 2014 è stato vicepresidente diocesano Adulti di Azione Cattolica, mentre dal 2014 al 2020 ha assunto la presidenza diocesano dell’Azione Cattolica.  È tra i soci fondatori della cooperativa HabitaTerra, per l’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto