una targa di merito

Due infermieri di Latina in prima linea con la Croce Rossa nella pandemia

Le storie di Moreno Campo e Antonio Melfi

LATINA – Hanno lottato contro la pandemia con le armi che avevano, quelle professionali, preziose in questo momento, sostenute da una grande generosità e da un profondo senso del dovere e del servizio. Sono Moreno Campo e Antonio Melfi, due infermieri militari volontari della provincia di Latina, arruolati nel Corpo Militare Croce Rossa Italiana e inviati in missione operativa durante le prime fasi dell’emergenza sanitaria. Oggi, per l’impegno e la dedizione sono stati premiati dal Sindaco di Latina Damiano Coletta.

Moreno Campo,  infermiere presso la Centrale Operativa Unica Regionale del 118 Umbria Soccorso a Perugia, e Antonio Melfi, in servizio all’ UTIC dell’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina, si sono arruolati insieme nel 2013 per dare supporto medico alle attività di disinnesco degli ordigni bellici e supporto sanitario avanzato nei corsi di sopravvivenza di massimo livello per le forze speciali delle Forze Armate, poi è arrivato il Covid e durante l’emergenza sanitaria si sono dedicati totalmente al supporto sanitario nella pandemia: prima a Fiumicino, poi al Mof Fondi, quando la città era Zona rossa. Quindi, per Moreno Campo è arrivato l’ordine di partenza immediata con destinazione Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, una delle città più colpite dal virus dove ha lavorato senza sosta.

Ora, i due infermieri hanno ripreso la loro attività a casa, con vari ruoli, sempre impegnati nelle attività relative al Covid: “Siamo orgogliosi di servire il nostro Paese e resteremo a disposizione del nostro glorioso Corpo Militare Croce Rossa Italiana come sempre, come ogni giorno, pronti per una nuova destinazione e un’ulteriore missione da affrontare”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto