Jazz Art & Architecture

Concerti Jazz del Circolo Marinelli sulla pagina Fb del Comune di Latina

L'appuntamento domenica 18 aprile alle 19

LATINA – Quattro video-concerti realizzati dal videomaker Aniello Grieco in quattro significativi luoghi architettonici del passato tradizionale e recente della città:  Circolo Cittadino,  Palazzo del Governo,  Museo Civico Duilio Cambellotti e  grattacielo della Torre Pontina. “Quattro suggestive scenografie architettoniche per quattro performance jazzistiche per narrare il Jazz all’interno dell’Architettura di Latina, città che è stata ed è un punto di riferimento importante nel panorama jazzistico nazionale”, spiegano  dal Latina Jazz Club Luciano Marinelli che ha ideato e organizza Latina, Jazz Art & Architecture nell’ambito del bando dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Latina “La cultura e l’arte al tempo del COVID19”.

L’appuntamento domenica 18 aprile alle 19 sulla pagina Fb del Comune di Latina.

«Trattandosi di quattro diversi video in quattro luoghi suggestivi della città – spiega l’Assessore alla Cultura Silvio Di Francia – quando il Latina Jazz Club di Marinelli li ha riuniti in solo video, abbiamo volentieri aderito alla richiesta di trasmetterli sui canali istituzionali».

I concerti vedranno la partecipazione di Andrea Beneventano (piano elettrico), Claudio Corvini (tromba), Marco Malagola (vibrafono), Claudio Olimpio (chitarra), Eleonora Serarcangeli (voce), Vincenzo Bianchi (pianoforte), Elio Tatti (contrabasso), Mauro Zazzarini (sax), Giampaolo Ascolese (batteria).

«Prima di ripartire con gli eventi live – spiegano dal Latina Jazz Club – pur nella criticità del momento, abbiamo colto l’opportunità offerta dal bando per farci conoscere non solo come associazione che propone musica, ma anche come associazione che lavora sul proprio territorio e intende valorizzarlo nella sua bellezza e architettura».

Il progetto “Latina, Jazz Art & Architecture”, insieme ad altri della rassegna “La cultura e l’arte al tempo del COVID19”, è stato già video-proiettato in Piazza San Marco e in altri luoghi della città a febbraio scorso.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto