Cronaca

Tratta di esseri umani dall’Italia in Francia sui treni come bestie: cinque arresti

Le indagini della Squadra Mobile su due gruppi criminali. In viaggio anche minorenni

LATINA –  “Abbiamo disarticolato un’ organizzazione che trafficava essere umani”. Il capo della Squadra mobile di Latina Carmine Mosca ha illustrato l’operazione che ha portato all’arresto di cinque extracomunitari appartenenti a due diversi gruppi criminali che sfruttavano migranti decisi ad andare in Francia o in altri Paesi UE. Il viaggio avveniva – hanno raccontato gli investigatori – in condizioni disumane, stipati nei locali tecnici dei treni. Una decina di migranti al giorno, tra cui molti minorenni non accompagnati. Tra questi, anche rifugiati arrivati a Latina e ospitati da cooperative locali, disposti a pagare trecento euro a testa pur di arrivare Oltralpe, a Nizza o Marsiglia. Lo si è scoperto tenendo sotto controllo  alcuni telefoni utilizzati da migranti provenienti dal centro Africa.

“Nei post in cui venivano nascosti facevano anche fatica a respirare”, ha detto Mosca

ASCOLTA

Le indagini dei poliziotti della Squadra Mobile hanno permesso di scoprire che i due gruppi criminali avevano base in Liguria e Lombardia. In manette sono finiti ANIGOLEME Kossi considerato uno dei capi, 33 anni originario del Togo, domiciliato presso la Cooperativa Sociale l’Ancora di Riva Ligure in provincia di Imperia come CAMARA David 20 anni appena, nato arrivato in Italia dal Burkina Faso e KONATE’ Yacouba, 28 anni,  nativo della Costa d’Avorio. Il provvedimento ha poi riguardato BARRY Amadou Saikou 48 anni Guineano, residente a Vigevano  anche lui con compiti direttivi e BAH Amadou nato anche lui in Guinea e residente a Milano.

LE INTERCETTAZIONI

Uomo: c’è un ragazzino mio piccolo che vuole andare in Francia;

Anigoleme Kossi : nhh nhh adesso dove sta?

Uomo: sta anche lui a Latina

Uomo: io passo il numero tuo al ragazzo così parlate.

Anigoleme Kossi: si ho capito! ti sto chiedendo che età hai dato?… Migrante: ho detto di avere 15 anni… Kossi: quella data che hai dichiarato è normale? Migrante: si! …”.

Uomo: …weeee mi hanno beccato … Kossi: …come ti hanno beccato? … Uomo: mi hanno fatto fermare…

Kossi: ahh perchè non hai detto che sei minore? ieri non ti ho detto di dire che sei minore… Migrante: …ehh ho detto che sono minore, …quando mi hanno fermato gli ho dato il certificato di nascita, ho fatto del tutto ho anche pianto, gli ho detto che sono minore ma mi hanno detto di no … Kossi:… sui documenti tuoi hai scritto che sei minore no? … Migrante: weee perchè sul mio certificato di nascita è scritto che sono minore di 15 anni …stiamo arrivando siamo tanti non sono solo, camminiamo a piedi per arrivare li (ndr Ventimiglia) …

6 Commenti

6 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto