nuova donazione al goretti

Coronavirus, allarme caschi e tamponi: il Lazio chiede aiuto alla protezione civile

L'assessore D'Amato chiede a Prefetto e Comuni controlli nelle case di riposo

Shares

LATINA – Scarseggiano i caschi con ossigeno e gli ospedali si attrezzano conservandoli in sacchi chiusi immaginando anche l’ipotesi di doverli sterilizzare e riutilizzare, mentre dovrebbero andare allo smaltimento speciale. Succede anche a Latina e l’allarme è stato lanciato oggi dall’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato insieme a quello che riguarda i tamponi: “Registriamo criticità nell’approvvigionamento dei caschi con ossigeno cpap e del kit di estrazione tamponi su cui abbiamo chiesto forte supporto alla protezione civile nazionale”.

MASCHERINE – “Per quanto riguarda invece gli ormai noti DPI, ovvero dispositivi di protezione individuale, oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie della regione 100 mila mascherine chirurgiche, 10 mila mascherine FFP2 e 2.210 mascherine FFP3”, fa sapere l’assessorato. Ma nonostante gli sforzi, i dispositivi sono sempre in numero inferiore alle esigenze e non è difficile che il personale sanitario nel rimanga sprovvisto.

LE DONAZIONI – E’ anche per questo che le donazioni non si fermano e le mascherine sono arrivate oggi nella Neonatologia del Goretti, mentre nei reparti di Oculistica e Malattie Infettive sono stati consegnati flaconi di disinfettante per superfici. La donazione è stata fatta dalla Onlus In Ricordo di Daniele: “Ringrazio per questo Mario Zago, Giuliano Castaldi e Emanuele Cartolano che l’hanno resa possibile”, dice Antonietta Parisi mamma di Daniele.

CONTROLLI NELLE CASE DI RIPOSO – Ma il fronte del  Lazio sono ormai le Case di Riposo che raccolgono più di un terzo dei casi totali di Covid-19. Per questo la Regione ha scritto una lettera ai prefetti e a tutti i comuni di avviare controlli a tappeto nelle case di riposo, secondo le indicazione dell’Istituto Superiore di Sanità per la prevenzione e il controllo dell’infezione da coronavirus nelle strutture residenziali sociosanitarie.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto