in radio con noi

Coronavirus, Rufo di Croce Rossa: “Tante nuove situazioni di vulnerabilità ma Latina è più solidale”

I 90 volontari del comitato di Latina a ciclo continuo per l'emergenza coordinati dall'Assessorato al Welfare

LATINA – “Quello che sta emergendo in questi giorni è una particolare condizione sociale di estrema vulnerabilità di alcuni nuclei, sconosciuta, che in collaborazione con i servizi sociali e con la rete del terzo settore stiamo cercando di supportare anche oltre la semplice consegna della spesa, attivando una rete e particolari procedure di assistenza per queste famiglie”. Lo ha detto il presidente del Comitato Cri di Latina, Giancarlo Rufo intervenendo in diretta su Radio Immagine invitato a raccontare la rete di supporto: “Se vogliamo la parte più bella – dice – di questa emergenza”.

Con i 90 i volontari del Comitato di Latina della Croce Rossa che copre anche i comuni di Cisterna,  Priverno e Terracina attivi per la consegna della spesa e dei farmaci a chi ne ha bisogno, i giorni del coronavirus trascorrono nello spirito che da sempre anima le giubbe rosse. Grazie a una convenzione con Federfarma e con alcuni supermercati, con la cabina di regia costituita dall’assessorato al Welfare del comune di Latina, il lavoro è a ciclo continuo dalle 8 alle 20.

LATINA RISCOPRE I VALORITantissimi volontari hanno aderito in questi giorni all’appello di Croce Rossa “Volontario temporaneo”: “Abbiamo dovuto fermare le iscrizioni perché avevamo un numero altissimo di adesioni e questa risposta da parte  dei cittadini  ci fa sperare che quando sarà finita l’emergenza potremo trovare una città che si è risvegliata da un torpore durato troppo tempo che ha riscoperto i valori di base della solidarietà, del mutuo soccorso e del rispettarsi e speriamo che duri anche l’attenzione da parte delle istituzioni per il mondo del volontariato”.

SUPPORTO A MEDICI E INFERMIERI– Il pensiero va a medici e infermieri in prima linea: “C’è un servizio che ci tengo a evidenziare – aggiunge Rufo – ed è quello che riguarda il supporto psicologico ai sanitari. Sappiamo quanto stiano lavorando, ma dietro camici e mascherine ci sono persone con le loro fragilità e per questo il Ministero della Salute ha incaricato la Croce Rossa di attivare questo servizio che risponde allo 065510”.

RESTATE A CASA – Il numero verde 800065510 messo invece a disposizione dalla Croce Rossa per spesa e farmaci può essere chiamato da chiunque sul territorio nazionale. I Comitati CRI di Latina, Aprilia, Itri, Fondi e Sud Pontino cercano di coprire l’intero territorio provinciale da Aprilia a Castelforte per qualunque necessità: “Il nostro servizio è rivolto anche a chi, pur non avendo particolari problematiche, non vuole uscire da casa per preservare la propria salute. La prevenzione passa anche da questo e noi dobbiamo agevolare le persone a rispettare la regola del restate a casa”.

ASCOLTA l’intervista-

 

1 Commento

1 Commento

  1. Fabio Giliberti

    Fabio Giliberti

    29 Marzo 2020 alle 15:23

    Tutte le radio per ringraziamento a medici ed infermieri, potrebbero mandare in onda l’inno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto