18 settembre

Pannone al Fondi Film Festival con un libro dedicato al reale: “E Latina è reale”

Prevista anche la proiezione del doc Latina/Littoria nel ventennale dell'uscita: "Così ricordiamo anche Pennacchi"

FONDI – “E’ reale?” Partendo da quella che solo apparentemente è una semplicissima domanda, il regista Gianfranco Pannone presenterà questa sera al Fondi Film Festival il libro appena uscito per Artdigiland, ovvero una Guida empatica del cinedocumentarista. L’appuntamento alle 21 nel chiostro di S. Domenico alla presenza della fondatrice della casa editrice Silvia Tarquini.

“Raccolgo qui alcuni scritti, gli appunti lezione che ho fatto da docente di cinema, intorno al rapporto tra cinema e realtà. Detta così sembrerebbe un libro un po’ accademico, ma non lo vuole essere, è un libro che in qualche modo si interroga sulla difficoltà di rapportarsi alla realtà, oggi. E’ una realtà molto più liquida, più complessa, una realtà che sfugge. Un tempo, la categoria realtà era legata anche al pensiero ideologico, oggi che viviamo una società più incerta questo si fa più difficile e lo è anche per il cineasta. Ma reale non è solo e non tanto quello che vediamo, ma quello che sappiamo e vogliamo vedere. Rifletto su queste cose rivolgendomi ad un pubblico di esperti, di giovani aspiranti e anche di semplici curiosi”, spiega l’autore che quest’anno festeggia i primi 30 anni di attività.

Parallelamente alla presentazione del libro, Pannone discorrerà con il direttore di “Latina Oggi” Alessandro Panigutti nella ricorrenza del ventennale dell’uscita nelle sale di “Latina/Littoria” (miglior documentario italiano al Torino Film Festival 2001), che sarà proiettato a seguire. “Sarà anche il modo di parlare di Antonio Pennacchi, scomparso di recente e protagonista di quel film con l’allora sindaco del capoluogo Ajmone Finestra”.

Ne abbiamo parlato in radio con il regista, che ci ha spiegato anche perché il racconto di Latina “è reale”, “ghiotto per un cinedocumentarista”. “Su Latina ho fatto un po’ da apripista”.

IL PODCAST          

Il FONDIfilmFESTIVAL – Riviera d’Ulisse XX si concluderà domani, domenica 19 settembre (alle 21) sempre nel  chiostro di S. Domenico con la consegna del “Dolly d’Oro Giuseppe De Santis” al miglior regista emergente dell’anno assegnato a Elisa Amoruso per “Maledetta primavera” (2021), suo primo lungometraggio di finzione. Il film sarà proiettato dopo la cerimonia di premiazione.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti esibendo la certificazione verde (nel rispetto dei vigenti protocolli anti Covid-19). Per prenotare il proprio posto in platea è sufficiente inviare un SMS o un WhatsApp al numero 347.1434465 specificando: nome e cognome, giorno, orario e numero di posti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto